Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
9 gennaio 2010 6 09 /01 /gennaio /2010 08:10

LE MALIZIE DI PLICK E PLOCK






07--01.JPG



07--02.JPG







07--03.JPG






07--04.JPG







07--05.JPG





07--06.JPG






07--07.JPG





07--08.JPG








07--09.JPG









07--10.JPG









07--11.JPG






07--12.JPG
 




[Traduzione di Massimo Cardellini]
Repost 0
7 gennaio 2010 4 07 /01 /gennaio /2010 09:11

LE MALIZIE DI PLICK E PLOCK





05--01.JPG








05--02.JPG






05--03.JPG








05--04.JPG






05--05.JPG











05--06.JPG




[Traduzione di Massimo Cardellini]
Repost 0
6 gennaio 2010 3 06 /01 /gennaio /2010 19:44



LE MALIZIE DI PLICK E PLOCK



06--01.JPG







06--02.JPG








06--03.JPG







06--04.JPG





06--05.JPG










06--06.JPG

 



[Traduzione di Massimo Cardellini]
Repost 0
22 dicembre 2009 2 22 /12 /dicembre /2009 15:03

FRANS MASEREEL [1897-1972]




autoritratto-masserel.gifAutoritratto di Frans Masereel (1897-1972)

Utilizzando la tecnica della xilografia del XIV secolo per diffondere le sue idee in un XX secolo insanguinato, Frans Masereel incise con talento sul legno la sua immensa tristezza di fronte alle due guerre mondiali.

 

 

masereel.JPGNato, il 30 luglio 1889 a Blankenberghe, in una famiglia benestante appartenente alla ricca borghesia fiamminga di Gand, Frans compie studi brillanti. All’Accademia di Gand (1907-1908) prende contatto con la povertà e anche coscienza dell’ingiustizia sociale.


Viaggiando molto (Inghilterra, Germania, Tunisia) e parlando tre lingue (frencese, tedesco e inglese) rimarrà sempre estraneo ai sentimenti nazionalisti. Verso il 1910 risiede a Parigi dove scopre un po’ per caso, l’incisione su legno (antica tecnica di stampa in bianco e nero). Offre i suoi primi disegni a L’Assiette au Beurre, di cui il redattore capo è l’anarchico Henri Guibeaux (1884-1938).


masereel--2.JPGQuando scoppia la Grande Guerra, Frans Masereel riesce a fuggire alla mobilitazione generale del 1914. Si rifugia in Svizzera dove raggiunge Henri Guibeaux nel 1915. A Ginevra, si lega d’amicizia con Romain Rolland e Stefan Zweig. Là, collabora a La Feuille (rivista pacifista) per la quale, in tre anni, Masereel realizza quasi 1000 illustrazioni, leggendo la stampa ogni giorno e lavorando sino a tardi. È anche traduttore per la Croce Rossa.

 

Disegni ad inchiostro e incisioni su legno sono le sue armi contro “la grande carneficina”, soprattutto nelle due opere militanti Debout les morts [In piedi morti] e Les morts parlent [I morti parlano].


Illustra anche le poesie del poeta belga Émile Verhaeren, le opere di Romain Rolland e di Stefan Zweig. Nel 1916, con Claude Le maguet, un tipografo anarchico e disertore, una rivista pacifista Les Tablettes che uscirà sino al 1919.


masereel--3.JPGConsiderato disertore da parte dell’esercito belga, rotorna in Francia nel 1921. Abita a Parigi e, nel 1924, acquista nel quartiere delle chiglie in aria a Equihen una vecchia casupola. Partecipa nel 1932, al Congresso contro la guerra ed il fascismo ad Amsterdam. Nel 1937, compone grandi decorazioni murali per il padiglione del Belgio e per quello della Pace all’esposizione internazionale di Parigi.

 

masereel_hamburg.jpgCome numerosi artisti, Frans Masereel, che sosteneva non sono così esteta da sentirmi soddisfatto di non essere un artista, aderisce alla rivoluzione russa e le sue prese di posizione gli valgono di essere escluso da ogni riconoscimento ufficiale per molti anni. Effettua due viaggi in URSS nel 1935 e 1936. Militante attivo, è formatore artistico nel Circolo dei pittori dell’Unione dei Sindacati della Regione parigina e parte per la Spagna repubblicana durante la guerra civile.

 

Masereel--i-libri-al-rogo.jpgNel 1940, la casa di Frans Masereel a Equihen è occupata dai Tedeschi. Si ritira nel sud della Francia, prima ad Avignone e poi in un villaggio della Lot-et-Garonne) e si stabilisce a Nizza nel 1949. La sua produzione è sempre importante. Nel 1950 ottiene il Grande Premio Internazionale dell’Incisione alla Biennale di Venezia. È anche nominato membro dell’Accademia Reale del Belgio nel 1951.

 

masareel_antimilitare.gifNel 1950, viaggio Nella Cina popolare e, nel 1959, assiste ad una grande esposizione in suo onore a Pechino. Riconosciuto mondialmente, Frans Masereel decede il 3 febbraio 1972 ad Avignone. Dei funerali nazionali hanno luogo a Saint-Amandberg (Gand).

 

Illustratore dei libri di Victor Hugo; Charles de Coster, Walt Whitman, Tolstoj, Tagore; Vildrac; Maeterlinck, Duhamel, Wilde, Vermeylen e Montherlant; l’opera di Frans Masereel rimane da riscoprire. Aveva una volta dichiarato di “aver trovato nell’incisione ciò che cercava per poter parlare a migliaia di uomini”.

 

 

 


LINK al post originale:

Frans Masereel

 

Repost 0
1 marzo 2009 7 01 /03 /marzo /2009 07:10
LE MALIZIE DI PLICK E PLOCK










































































[Traduzione di Massimo Cardellini]

Repost 0

Presentazione

  • : Letteratura&Grafica
  • Letteratura&Grafica
  • : Documentazione dei processi di sintesi e di interazione profonda tra arte grafica e letteratura nel corso del tempo e tra le più diverse culture.
  • Contatti

Link