Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
7 marzo 2012 3 07 /03 /marzo /2012 06:00

  FRANS MASEREEL


LA CITTÀ

1925

 

 

 

 

 

 

 

s71.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s72.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s73.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s74.gif

 

 

 

 

 

 

s75.gif

 

 

 

 

s76.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s77.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

s78.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s79.gif

 

 

 

 

 

 

 

s80.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[A cura di Massimo Cardellini]


LINK al post originale:
Die Stadt


LINK di presentazione dell'artista:
Frans Masereel

Repost 0
5 marzo 2012 1 05 /03 /marzo /2012 06:00

 

FRANS MASEREEL


LA CITTÀ

1925

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s61.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s62.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s63.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s64.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s65.gif

 

 

 

 

 

 

 

s66.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s67.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s68.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s69.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s70.gif

 

 

 

 

 

 

 

[A cura di Massimo Cardellini]


LINK al post originale:
Die Stadt


LINK di presentazione dell'artista:
Frans Masereel

Repost 0
25 febbraio 2012 6 25 /02 /febbraio /2012 06:00

FRANS MASEREEL


LA CITTÀ

1925

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s51.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s52.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s53.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s54.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s55.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s56.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s57.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s58.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s59.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

s60.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[A cura di Massimo Cardellini]


LINK al post originale:
Die Stadt


LINK di presentazione dell'artista:
Frans Masereel

Repost 0
24 febbraio 2012 5 24 /02 /febbraio /2012 06:00
FRANS MASEREEL

LA CITTÀ

1925



s41.gif
  
s42.gif
s43.gif
s44.gif
s45.gif
s46.gif
  
  
  
s47.gif
s48.gif
s49.gif
 
s50.gif
[A cura di Massimo Cardellini]


LINK al post originale:
Die Stadt


LINK di presentazione dell'artista:
Frans Masereel
Repost 0
23 febbraio 2012 4 23 /02 /febbraio /2012 06:00
FRANS MASEREEL

LA CITTÀ

1925



s31
s32.gif

s33.gif
 
s34.gif






s35.gif 
s36.gif

s37.gif 
s38.gif


s39.gif
s40.gif










[A cura di Massimo Cardellini]


LINK al post originale:
Die Stadt


LINK di presentazione dell'artista:
Frans Masereel
Repost 0
30 gennaio 2012 1 30 /01 /gennaio /2012 10:00

Little Nemo in Slumberland

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tavola 7



 

 

 

 

07.jpg

 

  


07_01.jpg

 

-Porta Nemo qui dal re, è tutto, limitati a portarlo qui.

 

 

 

 

 

 

  07_02.jpg

-Nemo, alzati! È accaduto qualcosa di terribile!


1. Verso mezzanotte, Nemo credette di sentir tremare la casa. Ma se ne convinse solo quando la mamma, agitata,


 


 

07_03.jpg

- Vai a veder cos’è, papà! La casa sta tremando tutta. Vai, papà.

- Stai calma! Stai calma!

 

2. lo chiamò. Anche il babbo era agitatissimo e cercava di scoprire, se possibile, la causa di quel violento scuotimento,

 



 

07_04.jpg

 

3. oscillare e scricchiolare della loro casa. Fuori la notte era tranquilla, eppure la casa sembrava fluttuar via

 


 


 

 

07_05.jpg

 

- È strano, non capisco affatto quale sia la causa di tutto ciò.


 

4. per aria. Nemo convinse la mamma a rimanere in casa, mentre il babbo cercava di capire quale fosse l’origine del fenomeno. La loro casa

 

 



 

07_06.jpg

 

- Ebbene, cos’è questo?


5. stava salendo lentamente ma decisamente verso il cielo, ma in virtù di quale forza misteriosa il papà di Nemo non riusciva

 

- Mamma, se te ne stai tranquilla, scoprirò di cosa si tratta. Sì!


6. a capire. Nemo suggerì che potesse trattarsi di un qualche mostro gigantesco, ma il babbo gli disse che stava parlando “a vanvera” e gli ordinò di tranquillizzare la mamma, che stava escogitando dei piani elaborati per poter svenire.

 

 

 

7. Ma quanto Nemo aveva suggerito si rivelò vero e, prima che potesse avvertire i genitori, perse l’equilibrio e cadde. Sebbene fosse molto occupato a cadere, gridò loro addio e, rapidamente,


 

- Oh, poveri papà e mamma! Oh!

 

8. precipitò verso il basso. Immaginiamo quanto abbia dovuto sentirsi infelice. Il terribile destino del babbo e della mamma

 

- Oh! Aiuto! Sto per annegare! Papà! Mamma! Oh! Aiutatemi, sto…

 

9. fu il suo unico pensiero, finché non atterrò al suolo. Fortunatamente un lago di fresco succo di mirtillo lo accolse senza danno, sebbene lui poco si curasse e ancor meno si preoccupasse della propria situazione.

 

 


 

 

 

 

 

 

 

07_07.jpg

- Devo correre…nuotare dal mio papà e dalla mamma, presto! Devo scoprire…

 

 

10. Nemo non aveva mai vinto dei premi per le sue prodezze natatorie, ma riuscì a raggiungere la riva, così terribilmente esasperato

 

 


 

 

 

 

 

 

07_08.jpg

- …che ne è stato della nostra casa. Oh! È terribile! Mi sono…

 

 

11. da scoppiare in lacrime. Il suo unico scopo era quello di scoprire che cosa fosse accaduto al babbo e alla mamma. Così si inoltrò

 

 

 


 

 

 

 

 

 

07_09.jpg

- Oh! Mi sono perso! Mi sono perso! Mi sono… Io non… Non riesco… Non so… Io…

 

 

 

12. nella foresta di gambi di sedano, in riva al lago. Ma ben presto si perse e incominciò a strillare

 

 

 

07_10.jpg

13. finché il nonno non andò da lui per calmarlo.


 

 

 

 

 

 

 

[Traduzione di Paolo Casciola]


 

 

[A cura di Massimo cardellini]


 

 

LINK alla tavola originale:

Little Nemo, 07 

Repost 0
27 gennaio 2012 5 27 /01 /gennaio /2012 06:00

Carl Maria Seyppel

 


 

 

Re, Regina, Principe


Racconto umoristico Egiziano dipinto e scritto secondo natura

l'anno 1302 prima della nascita di G. C.

 

 

 

000Cover.jpeg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RE-REGINA-PRINCIPE

 

 

001.jpeg

 

Racconto umoristico Egiziano

 

 

Dipinto e scritto secondo Natura

 

L'anno 1302 prima della nascita di G. C. da

 

C. M. Seippel

 

Pittore e poeta alla corte di fu sua Maestà il re

 

Rhampsinit III

 

Memphis, via delle Piramidi N. 36. 1° piano

Rivolgersi in portineria (è gentile, è cortese,

è... sulle scale).

 

Dusseldorf, Félix Bagel.

 

 

 

 

 

 

002.jpeg

Rhampsinit il vecchio sovrano

Ahimè ha reso l'anima,

E io per guadagnarmi il pane

Rimo e declamo

Moltissimi epigrammi.

 

Rhampsinit, in verità

Nella magnificenza

Della sua regale bontà

Si degnò in compenso

Di procurarmi l'agiatezza.

 

Tuttavia il nuovo re

Non mi ha nominato poeta

Della sua corte, e parola mia

Quando il soggetto si presta

A vendicarmi mi intestardisco.

 

Mi tratta con disprezzo

Come un infimo poeta,

Perché libero scrittore

Ho svelato il suo crimine

Al popolo che egli opprime.

 

Ma stai in guardia a tua volta

Sovrano bonario,

Saprò un giorno vendicarmi

Se non vuoi farmi

Tuo poeta ordinario.

 


 

 

 

 

 

 

I Parte

 

Il re è morto

 

 

 

003.jpeg

RHAMPSINIT

 

Re degli Egiziani

Della ventesima dinastia,

Il più caduco dei cittadini

Dissipa in piaceri la sua vita.


 

 


 

 

 

 

 

 

004.jpeg

Ha posto in luogo sicuro e il suo trono e sua figlia

Il suo genero lo sostituisce

come capofamiglia

Regge in una mano

il liquore delle dame

E con l'altra il castigo.



 

 

 

 

 

 

005.jpeg

Popoli e donne

sono in questo modo diretti 

Così cortesemente 

Che il tesoro prospera 

E il re diventa nonno.


 


 


 

 

 

 

006.jpeg

Rhampsinit radioso quasi svenne 

di piacere.

 

 

 


 

 

 

 

 

007.jpeg

La gioia e la felicità in Egitto esplosero 

E tutti gli Egiziani presto si ubriacarono 

Anche l'autore ha lo spirito vacillante 

Ecco il perché di questa pagine sbilenca...

 



 


 

 

 

 

008.jpeg

Tutto passa tutto finisce 

E il grande Rhampsinit, così potente e così forte 

Un bel mattino fu ritrovato morto!!! 

Ah! Le entrate si abbassarono terribilmente

E molte banche crollarono istantaneamente.

 

 

 


 

 

 


 

 

009.jpeg

Senza troppo commuoversi 

I grandi naturalisti 

E sapienti erboristi 

Si misero in dovere 

Ad esercitare il loro sapere 

Ognuno a piacere manipola la mortale spoglia

Senza rovinarla troppo

Infine la cosa è fatta

La si ricopre di fiori

di gioielli di valori

E questo povero scheletro

Assume un aspetto festaiolo.

 

E il carro lentamente, segue i cortei funebri

Mentre Rhampsinit piange nelle tenebre

E altri si fanno flagellare le vertebre

 

 


 

 

 

 

 

 

 

010.jpeg

Il re dorme sotto questo duomo

E il regno

Ne vuole vivamente uno nuovo

Ben più giovane e più bello.

 


 

 

 

 


 

 

 

011.jpeg

Rasa del trono erede e senza più ragionare

Il suo sposo Ruppsippos sogna di governare

Il pezzente! E approfittando di un pranzo allegro

In cui il liquore antico

al suo cuore comunica

Una gioia angelica

L'amore deve, vedi, poetizzarsi

E suggelliamo presto una pace durevole

Gli dice, Rasa moglie mia adorabile

Con un amorevole e caldo bacio.

 

 

 

 


 

 

 

012.jpeg

Vi sono pesi troppo gravosi per la tua graziosa testa,

Il nostro figlio benamato ti dà molte preoccupazioni

E conoscendo le leggi del dovere coniugale

Voglio aiutarti, Rasa. Passami la corona.

 

Ah! ecco dunque scoperto il movente

Tu re! Lo dici e  osi pensarlo, hai lo spirito sconvolto?

 

Basta così! Vecchia mia sono il tuo padrone e tuo superiore,

Ah! la vostra audacia è senza eguali, ma piangerete il vostro errore.

 

 

 


 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

013.jpeg

Della prigione Rasa minaccia

Lui di prendere un gran coltello

E la discordia con ardore

Soffia un vento sterminatore

 

Vanno ognuno ad un angolo

Furente e a pugni chiusi

Uno schiavo accorre ventre a terra

Per informare il ministero

dell'imminenza della guerra

 


 

 


 

 

 

014.jpeg

Raffo, questo il nome del primo dei ministri

Uno stupido orgoglioso, il maestro dei pedanti

e la sua parlantina bugiarda, ben più del suo talento

Al re l'ha designato ad una carica eminente

 

Dapprima trema poi raduna

Rapidamente il parlamento

Ogni deputato sul suo cammello avanza

Nessuno volendo mancare alla grande seduta



 

 

 


 

 

 

 

 


 

 

015.jpeg

Con suo figlio Ruppsippos si diverte

Gli racconta i suoi progetti:

Vuole con sottigliezza e astuzia

Conquistare il cuore dei sudditi

Conosce l'umana debolezza

La stessa di oggi e di un tempo

E distribuisce con generosità

Le ricompense e le croci

 

Ma con spirito pratico

Che fa loro il più grande onore

Quest'ultimi vanno a vendere la reliquia

Al rigattiere

 

Ruppsippos che la sua polizia poco novizia

Istruisce con cura ogni giorno

Si dice: hanno malizia e vizio

Devo cercare un altro approccio





 

 

 

 


 

 

 

 

016.jpeg

Da quel momento nel silicio più duro della roccia

Fece intagliare la sua croce

Poi fece affiggere:
"Decreto. Le decorazioni

Saranno d'ora in poi inculcate

Con semplici applicazioni

Della nostra potente effigie

Leggermente al calore incandescente

Sul cuore dei sudditi

Detto fatto e firmato da Ruppsippos".

 

Ma la cosa più buffa in verità

È che coloro che si risolsero di ricevere questa celebrità

Malgrado la sua durezza

gridarono evviva più che poterono.

 

Rasa in preda ad ansie crudeli

fece chiamare i suoi fedeli.

 



 

 

 


 

 

 

017.jpeg

Della sala, i pilastri sordi

Risuonano al rumore dei discorsi

 

Dei fischi, dei bravo, dei colpi vengono scambiati

I pareri si ritrovano divisi a metà.

 

 

 

 

 


 

 

 

018.jpeg

Da questa parte vediamo di Rasa i sostenitori

Dall'altra di Ruppsippos i guerrieri insolenti.

 

Raffo immediatamente dell'assemblea

È proclamato il presidente

Un campanellino incrinato

Lancia a distesa il suo tintinnio.

 

Nessuno sa da dove cominciare

Ognuno vorrebbe dire una cosa bella

Per essere sicuro di meglio estromettere

il suo nemico comune

Ma nessuno osa.

 

Perdio, dice Ruppsippos che con rapido movimento

Salta alla tribuna senza paura, senza alcun timore.

 

"Popolo", egli dice, "la saggezza degli dei

Detta legge alla nostra intelligenza

E si rivela ai nostri sensi curiosi

Sempre attraverso la voce dell'umile innocenza

Prendiamo il nostro caro figlio

Dalla sua graziosa voce

Ascoltiamo ogni grido

È Dio che lo commanda".


 


 

 

 

 

 


 

 

 

 

019.jpeg

Il popolo in grida di approvazione scoppiò

Con  voce unanime la grossa nutrice

Recò il principe magnanimo

Padre dammi una dolce caramella

E stai pur certo

Che sarai re.

 

La cosa fu decisa così rapidamente

Rasa si fece molta bile e gli fece proclamare in città:

A domani l'incoronamento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Traduzione di Massimo cardellini]

 

 

 

LINK al documento originale tradotto in francese:

 Roi, reine, prince: récit humoristique égyptien peint et écrit d'apres nature, l'an 1302 avant la naissance de J. C.

 

LINK al documento originale in tedesco:

Er, Sie, Es

Repost 0
25 gennaio 2012 3 25 /01 /gennaio /2012 06:00

"Re-Regina-Principe" di Carl Maria Seyppel

 

Seyppel-Roi_Reine_Prince.jpeg

 

 

di Antoine Sausverd

 

 

Carl Maria Seyppel, Roi-Reine-Prince, Félix Bagel (éd.), Düsseldorf, 1886. 

 

 

Fonte: Universitäts- und Landesbibliothek Düsseldorf

 

SeyppelEr-Sie-Es.jpeg

 

 

Carl Maria Seyppel (1847-1913), pittore disegnatore e scrittore di Düsseldorf, realizzò negli anni anni 80 del XIX secolo sorprendenti opere nello stile pseudo-egiziano. Quello che ci interessa oggi fu pubblicato nel 1883 con il titolo Er-Sie-Es dall'editore Felix Bagel [1]. Quest'ultimo ne propose una traduzione francese tre anni dopo: Roi-Reine-Prince, récit humoristique égyptien peint et écrit d'après nature, l'an 1302 avant la naissance de J. C, [Re-Regina-Principe, racconto umoristico egiziano dipinto e scritto secondo natura, nell'anno 1302 prima della nasita di G. C.] [2]. la sua storia, che si svolge in una quarantina di pagine, narra la battaglia di successione che seguì alla morte del faraone, della contesa tra la figlia di quest'ultimo e suo marito per il trono.

 

 

seyppel1.jpg

 

 

Prima ancora di aprirlo, questo libro sorprende, perché l'autore gli ha dato l'illusione di un volume antico trovato negli scavi archeologici. Lo storico dell'arte e specialista della caricatura John Grand-Carteret scriveva nel 1884 a proposito di Er-Sie-Es: "Queste caricature molto divertenti, disegnate da un artista che ha una grande conoscenza della vita e dei costumi dell'Egitto sono stati eseguite su della carta che imita il papiro, che si è erosa ai bordi e aggredita con degli acidi allo scopo di ottenere delle macchie di ruggine e di umidità. Affinché nulla mancasse a questa imitazione del manoscritti antico, vi si è aggiunta una copertina di tela spessa, dai bordi anch'essi erosi o bruciati, uno spesso involucro di cera blu sul piatto, e degli attacchi in cuoio destinati a chiudere il volume. Vi è (...) nell'insieme, una imitazione molto riuscita che mostra l'interesse che hanno i Tedeschi al recupero delle cose antiche, allo stesso tempo di una prova nuova di questo spirito di satira che è il fondo della loro arte. Il testo non ha meno spirito dei isegni, e sono certo che gli egittologi vi attingeranno alcuni momenti di ineffabile divertimento" [3].

 

seyppel02.jpg

 

All'interno, Re-Regina-Principe si pone in risalto per una stupefacente diversità di composizioni nelle quali testo in rima e disegni si intrecciano in modo originale. Nessuna pagina somiglia a un'altra, Seyppel alterna tra strutture decorative, grandi immagini narrative, delle sequenze senza didascalie, delleinvenzioni grafiche, degli elementi decorativi, e anche delle eccentricità che ricordano degli albi comici di Gustave Doré.

 

Seyppel03.jpg

 

Per saperne di più sull'opera di C. M. Seyppel, l'università di Düsseldorf propone delle digitalizzazioni dei suoi altri libri illustrati, e si farà riferimento all'articolo di Dietrich Grünewald, "Carl Maria Seyppel — der 'Malerhumorist'" (Deutsche Comicforschung 4, 2008).

 

seyppel04.jpg

 

 

 

 

 

 

[Traduzione di Massimo Cardellini]

 

 

 

 

 

NOTE

 

[1] C. M. Seyppel, Er-Sie-EsAegytische Humoreske, nach der Natur abgemalt und niedergeschrieben 1302 Jahre vor Christi Geburt, Felix Bagel, Düsseldorf, 1883.

 

[2] Il existerait une première traduction française de cet ouvrage éditée en 1885 à Paris par Kurt Guhrauer.Roi-Reine-Prince était disponible en 1886 dans la boutique de Henri Le Soudier, librairie parisienne du boulevard Saint-Germain « spécialement organisée pour l'importation des ouvrages en toutes langues de tous les pays ».

 

 [3] John Grand-Carteret, « Notre Bibliothèque XCII », Courrier de l'Art, n° 1, 3 janvier 1884, p. 7: http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k55671130/f16.langFR.

 

 

LINK:

Roi-Reine-Prince

Repost 0
13 gennaio 2012 5 13 /01 /gennaio /2012 06:00

Napoleone attraverso la caricatura 



napoleone19.jpgDa ogni lato del Canale, ci si sfida.

  
 

di Robert Ouvrard 

 

 


In questa satira brillantemente colorata, un gallo da combattimento, a sinistra con la testa di Bonaparte, guarda un superbo toro con i tratti di John Bull, a destra. Un uccello nero è appollaiato sulla schiena del toro. Ognuno sulla sua parte si trova su un campo erboso, separati l'uno dall'altro dall'acqua, di cui si può immaginare che si tratti del Canale. Il gallo minaccia di venire presto a scatenare una vera lotta che insanguinerà il suo avversario. Il toro non sembra turbato e promette al gallo, se insiste nel suo progetto, di fargli conoscere rapidamente la natura delle leggi inglesi.

 

Bonaparte non deve far altro che comportarsi bene: la vendetta divina, essa, sarà terribile!


napoleone20.jpgLa mano che scrive sul muro.


Il disegno di Gillray si ispira al famoso banchetto di Baldassarre. Bonaparte, punto centrale del disegno, rappresenta qui il re di Babilonia, ed è circondato dalla sua corte. Giuseppina, che Gillray assimila a Salomé - si sta ubriacando con il Maraschino parte del quale scola dalla sua bocca, sotto l'occhio sornione e divertito delle sue sorellastre, dai seni nudi e ricce dai capelli ricci. I convitati si gettano sugli emblemi- Saint-James, Banca d'Inghilterra con i colori della Francia e i capi dell'Inghilterra e sulle "mele di Amiens". Sono così intenti dal loro pasto da non vedere l'iscrizione sul muro.

Soltanto Bonaparte ha paura e rovescia il suo bicchiere e delle bottiglie sulla tavola. Sopra la sua testa, la bilancia del giudizio: la corona del re legittimo è più pesante dei simboli del dispotismo, alcuni dei quali cadono dal piatto. Il messaggio è chiaro: prendersela con l'Inghilterra significherà la fine di Bonaparte.
I soldati dietro Bonaparte guardano anch'essi con orrore l'iscrizione. Alla sua destra un ufficiale spalanca gli occhi, mentre un altro si concede un bocconcino chiamato "Torre di Londra".

Si promette inoltre il peggiore castigo a Bonaparte, nel caso in cui si arrischiasse a mettere il piede sul suolo dell'Inghilterra.

 

napoleone21.jpgBuonaparte. 48 ore dopo essere sbarcato!


Il caricaturista invita qui i suoi contemporanei a contrarre un'assicurazione a cento contro uno, presso la celebre compagnia di assicurazione Lloyd, e a scommettere sulla morte di Bonaparte due giorni soltanto dopo il suo sbarco. Si vede qui quale destino attende quest'ultimo, Gillray utilizza inoltre la stessa iconografia - la folla furente- che egli fustigava al tempo della Rivoluzione. È John Bull che regge la picca, incarnando uno di quei numerosi volontari che si arruolarono nel 1803. La sua potenza è caratterizzata dalle foglie di quercia del suo cappello, che reca il motto "Britons Strike Home", che annuncia la certezza della vittoria. Egli enuncia allo stesso tempo le atrocità potenziali dei Francesi, pur beffandosi di loro.
Ad ogni modo, in Inghilterra, si è sicuri di vincere.

napoleone22.jpg

Le conseguenze dell'invasione o l'Eroe Ricercato.

Al centro della caricatura, un John Bull opulento e orgoglioso, di ritorno dalla battaglia, è abbracciato da delle ammiratrici. Regge con la mano destra una spada sguainata, nella sinistra una picca sormontata dalla testa di Bonaparte, e regge anche un certo numero di teste attaccate per i capelli, che si vanta di aver tagliato lui stesso. Attirate dallo spettacolo, delle donne accorrono verso si lui. La caricatura mostra chiaramente che la motivazione e la ricompensa degli atti di bravura è l'attenzione delle donne: il riposo del guerriero, in qualche modo. In contrasto con il grasso John Bull, un elegante dandy effeminato si trova a sinistra, con i pugni serrati e mentre sta battendo i piedi, lamentandosi di non essere stato abbastanza valido per essere un bravo soldato, presso cui le giovani donne sarebbero accorse.

napoleone23.jpgDistruzione delle cannoniere francesi.


Talleyrand, al centro del disegno, regge Bonaparte sulla sua spalla, per permettergli di avere una migliore visuale della battaglia navale in corso di svolgimento. Quest'ultimo regge un rotolo di carta, sul quale si può leggere "Piano di Talleyrand  per invadere la Gran Bretagna", con cui fa un cannocchiale. Rivolgendosi a Talleyrand, gli dice: "Ah! Mio caro Talleyrand, qual magnifico spettacol! La mia buona fortuna non mi abbandoma mai! Sarò presto liberato da centomila francesi! Questo è ancora più forte del veleno d'Egitto!" Vediamo qui l'allusione all'episodio dell'esecuzione dei prigionieri e degli appestati a Jaffa.

Perché, infatti, i due personaggi osservano con gioia la distruzione della flotta francese da parte delle forze inglesi. Ciò che colpisce è che i cannoni francesi sono silenziosi. E una bandiera con il teschio sottolinea in modo efficace le intenzioni diaboliche di Bonaparte.

E il Bull Dog inglese trionferà sul cane corso:

napoleone 24Un Bull Dog Inglese e un levriero Corso.


La presente immagine è brutale: un bulldog robusto se la prende contro un cane magro e più piccolo di lui, piantando le sue zanne nelle costole del cane corso. Porta un collare sul quale sta scritto "John Bull". Il povero cane tenta disperatamente di scappare. Ha incontestabilmente i tratti di Bonaparte, mentre il bulldog non è umanizzato.

Si tratta qui di riaffermare la forza dell'Inghilterra nel momento della rottura della Pace di Amiens e della ripresa delle ostilità. Anche qui è percepibile la fiducia degli Inglese: al bulldog non è opposto che un fragile cane corso!

 

E quando l'Inghilterra vincerà, sarà la felicità dell'Europa!


napoleone25.jpgLa Pacificazione Finale dell'Europa.


Bonaparte è qui impiccato. È rappresentato, sospeso sopra il suolo, la bocca in una smorfia di dolore. Dietro lui, dei personaggi rappresentanti diversi paesi danzano, soffiando nei corni, e annunciando la morte di Bonaparte. Da sinistra a destra: la Russia, la Prussia, la Germania, la Svizzera e l'Olanda, che il lettore può facilmente identificare sia leggendo le bolle sia semplicemente guardando i costumi. La Russia, ad esempio, è vestita con una pelliccia di pelle d'orso, mentre l'Olanda è rappresentata da un buon borghese che inalbera una pipa sul suo cappello.

 

Alla fine dell'estate del 1803, la paura per l'invasione è al suo massimo livello.


 

napoleone_26.jpg
John Bull e l'allarmista.


Questa sensazione di allarme è molto esplicitamente riflessa in questa caricatura che mostra Giorgio III con i tratti di John Bull, che riceve con contrarietà il drammaturgo Sheridan, che gli assicura che mille imbarcazioni, ognuna recante 150 soldati, sono sul punto di far vela per l'Inghilterra. Dietro di loro, dei manifesti propagano l'allarme e la disperazione, mentre Sheridan ne porta altri sotto il braccio. L'idea qui è che i giornali a grandi tiratura, alcuni sotto la responsabilità di Sheridan, servivano più a propagare l'inquietudine che a calmarla.

 

O ancora in questa:

 

napoleone_27.jpgJohn Bull offering little boney fair play


John Bull, a sinistra, vestito da marinaio e a torso nudo,guada nelle acque del Canale e sfida Bonaparte di raggiungerlo. Le coste dei due paesi sono gremite di fortezze e di canoni. Le (piccole) navi francesi sono pronte a far passare l'esercito. Si intravede la piccola testa di Bonaparte, ornata da un grande cappello, che minaccia di passare all'attacco. John Bull è qui un marinaio particolarmente robusto che si beffa di lui e delle sue parole: che Napoleone venga, se osa!

Vediamo qui una situazione nei fatti inversa alla realtà: era l'Inghilterra che si barricava e era sulla difensiva.

Un'altra rappresentazione di questo genere di sfida è offerta da Woodward:

 


napoleone28.jpg
Pazienza su un monumento che sorride al dolore!!


In quest'altra caricatura rappresentante questo confronto da una parte all'altra del canale, Bonaparte, a sinistra e John Bull, a destra si fronteggiano, sulle loro rispettive falesie e osservano la battaglia navale che si svolge nella Manica. Bonaparte si asciuga le lacrime che gli scorrono dagli occhi, con un enorme fazzoletto, e si lamenta per la distruzione delle sue scialuppe cannoniere da parte della flotta inglese. John Bull, da parte sua, sghignazza di soddisfazione, appollaiato su una colonna sulla quale si può leggere "costituzione inglese". Robusto come al solito, funa la sua pipa con evidente soddisfazione. Alla base della colonna, il leone britannico monta la guardia e ruggisce, per avvertire Bonaparte.

Quest'arrivo imminente dei Francesi è annunciato come il risultato naturale dell'ascesa di Bonaparte.

 

napoleone29.jpg
Passi infuocati e salti.
 

Napoleone ha raggiunto la Francia dalla Corsica e, attraverso la sua ambizione e il suo potere, acquisisce un'influenza sempre più grande, confermando il timore dell'invasione nel mese di agosto del 1803.
In Inghilterra, alcuni sognano persino di rovesciare i ruoli!


napoleone30.jpg
John Bull sbarca in Francia!!

Cavalcando il leone britannico, John Bull attraversa al galoppo la campagna francese e attacca i minuscoli cavalieri francesi, a cavallo di rane. Il leone si erge sulle sue zampe posteriori e si prepara ad afferrare la sua preda. Una bandiera inglese si muove al vento, attaccata alla sua coda, e la sua parte posteriore è segnata dal sigillo di Giorgio III, "GR". Commandando la carica, John Bull, come sempre di statura imponente, alza la sua spada, gridando che augura soltanto mettere la mano su Bonaparte. Quest'ultimo credendosi abbastanza al sicuro in una modesta casa di campagna, si è arrampicato per il camino, ma implora il cielo di proteggerlo da questo terribile personaggio. Sulla sinistra, delle navi segnalano un porto.
Una delle cause della rottura della pace di Amiens, per gli Inglesi, è la ste smodata di Bonaparte per le annessioni territoriali.
 
napoleone31.jpg
Salta Rana, 1803.


Il (sempre) piccolo Bonaparte gioca a salta mulo con i sovrani stranieri. Ha già saltato sopra l'Olanda, poi la Spagna, che si lamenta per il mal di schiena. Eccolo sulla schiena dell'Hannover, che esprime del rammarico per essersi lasciato coinvolgere nel gioco. Bonaparte annuncia: "il prossimo sarà John Bull", ma quest'ultimo non ci sente da questo orecchio. L’artista ha illustrato qui l'intransigenza dell'Inghilterra di fronte alla politica della Francia che giudica espansionista.

napoleone32.jpgL'Evacuazione di Malta, 1803.

 

 
 
Questa caricatura dal carattere scatologico gioca sulla parola "evacuazione". Qui, Assington è obbligato ad accucciarsi, il bacino nudo, sopra un cappello nel quale egli "evacua" Malta, il Capo di Buona Speranza, la Guadalupe  de Bonne Espérance, la Guadalupa e la martinica. Di fronte a lui, Bonaparte lo tiene per la cravatta, lo minaccia con la sua spada e gli chiede di dare tutto, e che dovrebbe essere contento perché gli lascia l'Inghilterra. Un ufficiale francese (si tratta forse di Andreossy?) giunge nel campo visivo della caricatura, reggendo egli stesso il cappello, ma turandosi il naso.

Addington è rappresentato come spaventato dallo sforzo che deve fare, sottolineando la riluttanza dell'Inghilterra a separarsi da Malta. Esprime anche (nella bolla del fumetto) il timore di non poter più nutrire la sua grande famiglia, il che è un'allusione al suo nepotismo.

Bonaparte è qui il "Little Boney", il suo aspetto spigoloso è sottolineato dal disegno della sua spada e della sua guaina. Addington, al contrario, a ben guardare, appare come un gigante raffrontato con Bonaparte e l'ufficiale francese.

Il 1804 è segnato da due avvenimenti adatti a eccitare l'estro dei disegnatori. Il primo è l'esecuzione del duca di Enghien:

napoleone33.jpgL'uccisione a sangue freddo o l'Assassinio del Duca di Enghien, 1804.


Nell'oscurità di una foresta, di notte, due soldati francesi mascherati (uno a sinistra, l'altro al centro) innalzano delle torce e illuminano la scena dell'omicidio del duca di Enghein (!). Il duca, braccia e gambe divaricate, è legato a un albero ed è obbligato di vedere come Bonaparte lo assassina. Quest'ultimo, in una posa teatrale, immerge, una seconda volta, la sua spada nel cuore del duca.

Cinque demoni arrivano in volo e si posano sopra la testa di Bonaparte. Portano dei cappelli rossi rivoluzionari e reggono una corona: è la ricompensa promessa all'assassino, aspettando che una mano vendicativa gliela renda. Sull'estrema destra, giungono quattro personaggi, al chiaro di luna, in armatura e reggono degli scudi. Uno di questi scudi reca l'aquila degli Asburgo: è Francesco II; un altro è decorato con un orso, è Alessandro I; gli ultimi due portano soltanto delle croci. Francesco e Alessandro fanno appello all'unione con l'Inghilterra per vincere il tiranno.
La scena è sicuramente del tutto di fantasia in rapporto all'avvenimento, già abbastanza tragico in sé.
Questa caricatura- anonima, come si può dubitarne, affronta anch'essa il soggetto:

napoleone34.jpgColin Corre

 

 

 

Qui vediamo il gioco di parole: obbedendo agli ordini del suo padrone, Caulaincourt trascina dietro sé un povero agnello, che non è altri che il duca di Enghien, che il generale riporta in Francia attraverso il ponte di Kehl, brandendo un foglio di carta sul quale si può leggere "Mio buon padrone, ho la vittima!".


In quanto al coronamento di Napoleone, esso susciterà naturalmente molte caricature, tra cui questa:

napoleone35.jpgPianto per un nuovo giocattolo, 1803.

Questo disegno illustra il desiderio di Bonaparte di diventare Imperatore. La balia (la Francia) è pronta a dargli questa corona, ma non crede che ciò renderà il bambino (Bonaparte) più buono, né più calmo. Il bambino (Bonaparte) insiste: "Voglio questa corona, la voglio, oppure piango!".

napoleone36.jpgUna nuova fantasmagoria francese, 1804.


 

Qui John Bull è vestito da marinaio. Non crede ai suoi occhi: ecco Boney che si presenta davanti a lui con gli attributi dell'incoronamento, che gli chiede se lo riconosce. Certo, l'Inglese lo riconosce, ma pensa che Boney sta recitando un ruolo teatrale, o che ha una nuova mania.

 

Per gli Inglesi, Napoleone è d'ora innanzi l'usurpatore,come questa caricatura cerca di simbolizzare, in un modo particolarmente rozzo:


napoleone37.jpgIl cuculo Corso. Un uccello di passaggio scoperto di recente in Francia e ritenuto il più astuto della sua specie, 1804.

In questa caricatura dalla tonalità molto scatologica Napoleone imbratta la corona di Francia,defecando sul cuscino della sua poltrona. L'artista non ha trascurato nessun dettaglio: seduto sul braccio della poltrona, Napoleone ha il posteriore nudo. Le "uova" che egli feta in tal modo, fanno fuggire un Francese, probabilmente un Borbone, turandosi il naso. Il caricaturista, intitolando il suo disegno "Il Cuculo Corso", fa qui evidentemente riferimento alla particolarità di questo uccello, noto per deporre le sue uova nel nido di un altro uccello, il che distrugge quelli che già vi si trovano. Come il Cuculo, le lordure che Napoleone spande sulla Francia, contaminano la monarchia in quanto istituzione in Francia. Ma Napoleone non sembra curarsene: è così certo di impadronirsi del nido reale!

Questa sete di espansione attribuita alla Francia e al suo capo è gradevolmente illustrata nella caricatura seguente:

 

 

napoleone38.jpgJohn Bull a guardia del negozio di giocattoli o Boney (mingherlino) piangente per alcune cose, 1803.


Davanti all'insegna sorvegliata della casa editrice Samuel William (Fores– caricaturista del primo console) John Bull in uniforme da volontario dai capelli ingrigiti, monta la guardia davanti a un magazzino di giocattoli, che espone delle rappresentazionin dei centri dell'impero e della prosperità britannica: la banca, le Indie, la Torre di Londra, il tesoro, ecc. Ma nei fatti queste rappresentazioni sonoa due dimensioni, sono delle immagini, e non degli oggetti. Infatti, la casa dei giocattoli somiglia più a un negozio di stampe e di caricature: l'artista effettua qui la sua pubblicità.

 

Davanti a lui il piccolo Bonaparte, a cui ordina di togliere da lì le mani, asciuga le sue lacrime con un grande fazzoletto, e reclama per lo meno la Banca d'Inghilterra (in alto a destra sulla vetrina).

 

Il messaggio nascosto di questa caricatura è che la potenza e l'opulenza dell'Inghilterra sono eguali all'effetto politico e alla ricchezza intellettuale delle sue caricature, che il Primo console fa allora censurare in Francia. Il 2 gennaio 1805, Napoleone, in occasione del nuovo anno, fa delle aperture di pace a Giorgio III. È il celebre: "Il mondo è abbastanza grande affinché le nostre due nazioni possano viverci".

napoleone39.jpg

 

È questa senz'altro una delle caricature più famose di Gillray, priva di riquadro, il che la rende ancora più potente. Essa compare, si deve sottolinearlo, molto prima delle vittorie decisive delle due nazioni: Trafalgar e Austerlitz, e presenta con questo fatto un carattere profetico notevole.

Pitt, longilineo e smagrito notevolmente, come nella maggior parte delle caricature, tiene testa a un minuscolo Napoleone. Pitt, armato di una forchetta, che ha simbolicamente la forma di un tridente e di un coltello, si serve una larga porzione di oceani, come ricompensa per la sua padronanza sui mari, mentre Napoleone ritaglia una parte contenente tutta l'Europa, tranne l'Inghilterra, la Svezia e la Russia.
Il titolo della caricatura comprende una citazione del dramma di Shakespeare "La Tempesta".

La battaglia di Trafalgar non mancherà di stimolare il brio dei caricaturisti.

napoleone40.jpgJohn Bull scambia informazioni con il continente, 1805.

In piedi su ogni costa del Canale, John Bull e Napoleone si scambiano informazioni.

Il primo è sdraiato, a sinistra, sulle falesie della Menzogna. Scrive nervosamente dei dispacci, che sono in seguito spediti in Inghilterra dauna trompetta francese, che indossa un berretto rosso. Dietro i due personaggi una città, identificata con il suo nome Vienna. Tra le false notizie spedite in tal modo: "Le Journal de l’Empire: l’arciduca Carlo muore di fatica"; "Le Journal des Spectacles: l'opéra Inghilterra invasa", "La Gazette de France: La Flotta inglese dispersa", "Le Publiciste: la flottacombinata allo sbando", "Le Mémorial anti-Britannique: 20.000 Autriaci uccisi"; "Le Moniteur: Pace separata con l'Imperatore"; "Le Journal de Paris: Falsificazioni e False Notizie".

Di fronte a lui, sulla falesia della Verità, John Bull, vestito con il suo costume tradizionale, è un venditore di giornali, indossante un cappello recante il motto "Britannia domina gli Oceani" annuncia la sconfitta di Trafalgar. Sullo sfondo si svolge una battaglia navale.

 

Verificatasi praticamente lo stesso giorno, la sconfitta degli Austriaci a Ulm suscita il brio dei caricaturisti, tra i quali, inevitabilmente, Gillray:


napoleone41.jpgLa resa di Ulm.

 

 
 
Vestito con una uniforme immacolata decorato di galloni  bottoni dorati, il generale austriaco Mack, si prostra, consegnando la sua spada e le chiavi di Ulm a Napoleone. Mack è seguito da cinque altri ufficiali austriaci, che gli somigliano, sia nel vestire sia nella mimica.

Napoleone riceve con solennità i generali che si arrendono, sopra un trono costituito da un tamburo. È rappresentato in modo minuscolo, nel suo costume dio primo console. Punta la sua spada che regge nella sua mano destra in direzione di Mack, mentre la sua mano sinistra indica dei granadieri che reggono dei sacchi di denaro: "Ecco i vostri salari! Vi sono 10 milioni! 20 milioni! Le mie risorse di conquistatore non consistono soltanto nei miei soldati! Odio le vittorie ottenute a prezzo di sangue!".

Delle fila di soldati, dietro lui, assistono alla scena. Sollevano delle baionette ornate di bandiere tricolori.Sulla sinistra dell'immagine, dietro Mack e i suoi ufficiali, le mura di una massiccia fortezza dominano l'orizzonte, rappresentando verosimilmente la città di Ulm, le cui mura sono munite di cannoni. L'avvenimento è dunque qui presentato come un atto di viltà da parte dei due protagonisti, che preferiscono un accomodamento a una battaglia onorevole.

Dopo la battaglia di Austerlitz, e durante il breve periodo durante il quale i Whigs sono alla testa dell'Inghilterra, i caricaturisti, in generale anti-Fox, non si trattengono più:



napoleone42.jpgUn Apertura Pacifica, 1806.

 

Su questa scena politica inglese, si eseguono delle "ouvertures pacifiques" [Aperture pacifiche], "nuova opra drammatica". L’autore gioca qui sulle parole "peace" [Pace]" e "pièce" [opera teatrale]. Il direttore d'orchestra è il nuovo primo ministro Grenville, ma i musicisti della sua orchestra suonano ognuno una partitura diversa. Un Giorgio III sbalordito- che ha dietro di sé il rimpianto Pitt- legge con i suoi occhialini con impugnatura (bisogna vedere qui un'allusione al tema di Gulliver) l'offerta di pace fatta da un Napoleone guerriero ("La mia riconoscenza in quanto Imperatore- riduzione dell'esercito inglese- abbandono di Malta e di Gibilterra, ecc.), che si situa su una nuvola ("cloud" in inglese- allusione a Saint-Cloud), e avente dietro di sé Talleyrand, seduto su un corno dell'abbondanza da cui escono i benefici della pace. Degli scheletri di granadieri francesi, brandiscono delle bandiere inglesi, scozzesi e irlandesi. L'Irlandese Arthur O’Connore, un dito sul naso, ricorda ai Whigs che essi hanno partecipato al tradimento.

Nella tribuna in alto, il duca di Clarence, futuro Guglielmo e la sua amante, l'attrice Jordan. Sopra, i radicali Horne Tooke e Sir Francis Burdett applaudono Napoleone e Talleyrand. Sono sopra la loggia occupata dal principe di Galles e Mrs Fitzhebert.

Sullo sfondo un vascello inglese, simbolo della potenza inglese.

Se la vittoria di Trafalgar (21 octobre 1805) ha spento i timori dello sbarco francese, le vittorie continentali di Napoleone che seguono- Ulm, Austerlitz- fanno di lui il padrone dell'Europa:

napoleone43.jpgTIDDY-DOLL, il grande fornaio dei pan di zenzero, 1806.

Questa brillante satira, benché pubblicata nel gennaio 1806, contiene un gran numero di dettagli profetici. Napoleone, in grande uniforme, padrone dell'Europa, è qui rappresentato con i tratti di un fornaio che estrae, caldi dal forno- che ha come nome "New-French Oven, for Imperial Gingerbread", i nuovi re di baviera, del Württemberg e del Baden: sono i termini del trattato di pace di Presburgo. In un paniere, i nuovi re, tratti dalla sua famiglia: Giuseppe, che diventerà re di Napoli in marzo; Luigi, futuro re d'Olanda in giugno; Girolamo, chiamato sul trono di Westphalie in Agosto! I sovrani cacciati sono sepolti sotto la cenere nel forno, pieno dipalle di cannone. Talleyrand, di schiena,malevolmente presentato qui con il suo piede equino (ma il disegnatore si sbaglia piede!) e mentre porta una croce che ricorda il suo passato di ecclesiasitico, è occupato da parte sua con l'Ungheria, la Polonia e la Turchia. Sul comodino, Sheridan, Fox, Burdett, Moira, Tierney, e Lord Derby, membri dell'opposizione, a cui il disegnatore rimprovera la loor politica di acquietamento, aspettando che il fornaio imperiale si occupi di loro.

Il modello di Tiddy-Doll fu un fabbricante di dolci secchi di nome Ford, un personnage celebre di Londra, morto nel 1752.

napoleone44.jpgUn piccolo uomo con un grande appetito a pranzo, 1806.

 

Le conquiste napoleoniche sono qui rappresentate come delle cibarie su una tavola, per il consumo di Napoleone. Quest'ultimo, seduto a tavola, ignora le bottiglie di alcolici francesi e di Bordeaux così come i diversi piatti etichettati "Swiss Cheese", Turkey (la Turchia), "Dutch Herrings", "Naples Biscuit", "Polish Goose", ecc. Al contrario, il suo sguardo affamato è attratto da una bella porzione di "English Roast Beef", presentato nel suo succo: il piatto ha la forma delle falesie inglesi di Dover, sorvegliate da vascelli da geurra inglesi.

Vediamo qui il messaggio: l'ambizione di Napoleone è descritta sotto le forme di un appetito insaziabile. Malgrado tutte le cibarie presenti sul tavolo, il suo piatto è ancora vuoto, e prepara il suo coperto per tagliare il roast-beef.

Il 1806 sta per essere segnato dalla decisione della Prussia, di bandire le navi inglesi dai suoi porti. Il 5 aprile, l’Inghilterra pone l'imbargo sulle navi prussiane e il 21 aprile il re annuncia altre misure.

napoleone45.jpg
Il magnanime ministro, castiga la perfidia Prussiana, 1806.

Questa caricatura cerca di mostrare la lealtà di Fox, espressa il 23 aprile in un discorso contenente anche un attacco veemente contro la Prussia. Il ministro, al centro del disegno, solleva la sua spada contro il re Federico Guglielmo III, inginocchiato e supplicante. Tuttavia, regge dietro la sua schiena una nota sullo stato dellal Nazione, che in tal modo rende possibile a Napoleone di leggere. Il caricaturista fa così riferimento a un precedente discorso del 3 aprile nel quale annunciava che l'Inghilterra non era pronta per la guerra. Indubbiamente, Gillray dubita dell'integrità di Fox, e lo considera come il vero pericolo per l'Inghilterra.

Article realizzato da Robert Ouvrard, membro del Souvenir Napoléonien.






[Traduzione di Massimo Cardellini]

 

 

Link alla prima parte di questo saggio:

Napoleone attraverso le caricature 1799-1806, 01 di 02

 

 

 

Link al saggio originale:

Napoléon à travers la caricature

Repost 0
1 gennaio 2012 7 01 /01 /gennaio /2012 06:00

I CICCIOTELLI

 

 

 

 

 

 

cicciottelli3

PERCHÉ LO ZIO NED HA "GIURATO DI SMETTERE".

 

 

 

 

[I]

L’altra sera la nonna disse al babbo

d’esser sicura che lo zio Ned

se ne sarebbe andato in giro

con gli amici a far baldoria,

ma papà disse che era andato ad assistere

alla fine dell’anno.

 

II

E tutti in casa, tranne me,

stettero svegli a veder morire l’anno vecchio

e a sgranocchiare qualcosa in più

ma la mamma disse che i bambini piccoli

dovevano andare a letto senza farsi pregare

e senza piantar grane.

 

III

Io me ne andai a letto, e a poco a poco

mi resi conto e pensai che

avrei voluto cercare di scoprire

se il nuovo anno fosse morto

ma non doveva esser così, perché mi sembrava

che tutto fuori fosse rimasto lo stesso.

 

IV

Sentii un rumore, e allora seppi

che qualcuno si stava aprendo

un cammino a zig-zag tra la neve.

Ascoltai a lungo finché udii un rumore

e dopo sentii la porta aprirsi:

lo zio era tornato.

 

[V]

Poi lo zio si tolse le scarpe

e cercò di salire le scale a due a due

per raggiungere il suo letto.

I Cicciottelli dovevano trovarsi là fuori

e avevano sparpagliato i miei giocattoli sui gradini

stando a ciò che lui raccontò.

 

VI

Udii un gran fracasso giù nell’atrio

e poi sentii la nonna chiamare:

“Sei tu, Ned?”

Lo zio non rispose

doveva aver sbattuto contro il grosso attaccapanni

e averci dato una testata.

 

VII

La mattina dopo lo zio se n’era rimasto a letto

e io feci capolino in camera sua e dissi:

"Felice anno nuovo".

Ma sembrava che lo zio stesse terribilmente male

era messo di traverso e disse molto velocemente:

"Vattene via di qui".

 

VIII

Nella sua camera regnava una gran confusione.

Credo che i Cicciotttelli fossero stati lì

e avessero fatto roteare ogni cosa

fino a farlo star male da morire

e adesso anch’io avrei "giurato di smettere"

se fossi stato male quanto lui.

 

 

 

[Sul grande foglio che un cicciottello porge allo zio Ned sta scritto: "Impegno solenne per il nuovo anno 1955"].

 

 

 

 

 

 

[A cura di Massimo Cardellini]


 

 

[Traduzione di Paolo Casciola]

 

 

 

LINK alla tavola originale:

The Chubbies, 1° gennaio 1905

Repost 0

Presentazione

  • : Letteratura&Grafica
  • Letteratura&Grafica
  • : Documentazione dei processi di sintesi e di interazione profonda tra arte grafica e letteratura nel corso del tempo e tra le più diverse culture.
  • Contatti

Link