Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
27 novembre 2009 5 27 /11 /novembre /2009 21:14




 

 


 

 



 

[Traduzione di Massimo Cardellini]


LINK alla prima edizione dell'opera:
Un Autre Monde


Repost 0
25 novembre 2009 3 25 /11 /novembre /2009 08:41






La Signorina Maria Senza-cura








V

Maria Senza-Cura a passeggio


Maria Senza Cura andava a passeggiare tutti i giorni, quando era stata accorta e non si strappava la gonna.


Mentre gli uomini e le balie si occupano delle loro faccenduole, Maria Senza-Cura passeggia sul bordo di un grande stagno.

I cigni ed i pesci rossi la guardano con interesse; essi sperano che lei lanci loro delle briciole di pane o pezzetti di brioche.

Però Maria, come sempre, non ha cura di guardare davanti a sé.




E così, patatrac! Ecco che cade nel grande stagno.

Il cigno indietreggia spaventato ed i pesciolini rossi, spaventati, fuggono da ogni parte.

Per fortuna per la signorina Maria Senza Cura, il Signor Polydore Boitsansoif, essendosi avvicinato all'acqua per caso una volta nella sua vita, la ripesca fuori.

I signor cigni parlano tra di loro del brutto difetto di Maria Senza-Cura ed i pesciolini ne arrossiscono.




Il Signor Polydore, alterato per l'esercizio che ha dovuto compiere, pensa di andare a rinfrescarsi. Affida Maria Senza-Cura a Madame Grippard, una delle sue vecchie conoscenze.

Quest'ultima porta Maria Senza-Cura in un grande viale e le toglie, con la più grande cura, tutti gli indumenti. Poi glieli  porta via dicendole che li farà asciugare.

Per fortuna, Jérôme, il commissario, si accorge di Maria Senza-Cura nel viale. La riporta a suo padre e a sua madre disperati.


Maria Senza-cura è posta a letto. Per quindici giorni ha avuto la febre. Suo padre era molto triste e sua madre piangeva sempre. Maria promise di correggersi e di non essere più trascurata.

Maria Senza-Cura ha buon cuore. Un giorno incontra una madre sfortunata, molto, molto povera! con due bambini piccoli malati e che chiedevano da mangiare.

Maria Senza-Cura vorrebbe alleviare una così grande miseria; ma, poiché non ha avuto cura di prendere i soldi che suo padre le dà, non trova nulla nella sua tasca per la povera familglia. E visto che Maria Senza-Cura ha buon cuore, ne ha pianto per otto giorni!




VI

Maria Senza-Cura e l'acqua

Maria Senza-Cura prende un bicchiere e gira il bel rubinetto d'acqua chiara che è stato posto in ufficio.

Il bicchiere è pieno, Maria beve e dimentica di chiudere il rubinetto e l'acqua scorre dietro di lei.

La porta dell'ufficio è chiusa e l'acqua scorre, scorre sempre! senza poter uscire dall'ufficio. Maria Senza-Cura se la ritrova ben presto sino alle caviglie.

Maria Senza-Cura grida con quanto fiato ha in gola.




L'acqua scorre sempre e sale sino alle sue ginocchia.

L'acqua scorre, scorre sempre. Maria Senza-Cura se la ritrova sino al petto e continua a gridare.

Ma l'acqua le sale sino alla bocca e Maria Senza-Cura non può più gridare.

E l'acqua scrorre, scorre sempre e non si vede più che la manina della povera Maria Senza-Cura .

Per fortuna, il buon padrino che passava da quei paraggi, ha udito le grida di Maria Senza-Cura. Egli infrange la finestra dell'ufficio, tende, tende il braccio il più possibile... La sua mano sarà abbastanza lunga?

Il braccio del buon padrino è stato lungo a sufficienza, ha potuto afferrare la povera piccola Maria Senza-Cura.




Ma è stato obbligato a prenderla per i capelli.

Per tutto questo tempo, Baptiste e Catherine hanno forzato la porta dell'ufficio e l'acqua li ha travolti.

Povera Maria Senza-Cura! Dopo un simile bagno, le occoreranno almeno quidici giorni per asciugarsi.

Maria Senza-Cura promette di essere più accurata.








[Traduzione di Massimo Cardellini]




LINK all'opera originale:
M.elle Marie Sans-Cure


LINK interni concernenti lo stesso autore:
Georges le distrait, 1889, [Giorgino il distratto]
Repost 0
10 novembre 2009 2 10 /11 /novembre /2009 12:11


La Signorina Maria Senza cura














IV

LA TOILETTE DI MARIA SENZA-CURA


Maria Senza-Cura deve andare a far vista, con il suo papa e la sua mamma, a delle graziose ragazzine sue amcie. Per queste le viene fatta indossare una bella gonna bianca con dei magnifici ricami. Le si raccomanda di avere molta cura. Lei promette tutto quel che le viene richiesto per quanto sia felice di essere così bella.

Durante la colazione, Maria Senza-Cura non pensa più alla sua promessa. Dimentica di indossare il tovagliolo e non si prende il disturbo di prendere un piatto per riporvi il suo uovo e il suo portauovo.









Maria Senza-Cura si distrae sempre per un nonnulla. Una mosca che vola, il gatto che si lecca la zampa, guarda ogni cosa tranne ciò che andrebbe guardato. E così, ecco l'uovo rovesciato, il bianco ed il giallo, che macchiano orribilmente la graziosa gonna bianca.

Povera Maria Senza-Cura!

Il portauovo è rotto, la colazione è sul pavimento, la gonna è diventata gialla! Cosa Fare?

Maria Senza-Cura vuole lavare la sua gonna. Ma sempre senza cura, invece della caraffa, prende la bottiglia del vino.

Ah! mio Dio, che cosa spaventosa!









Che orribile piccola sudiciotta è questa Maria Senza-Cura!

Papa e mamma, indignati, lasciano la figliolina a casa.

Il buon padrino è desolato nel vedere Maria Senza-Cura in un così pessimo stato, e questo per colpa sua. Lui che svuota sempre, prima di partire, le sue tasche straccolme di caramelle e di gioiellini, questa volta, se ne va, con le tasche piene come quando era entrato.








Ed ha un aspetto molto afflitto, perché si chiede cosa ne sarà in futuro di una bambina così senza cura.










Maria Senza-Cura, dispiaciuta si reca in cortile e si sporca ancora di più accarrezzando un grosso animale che non è molto più pulito né molto più curato di lei.

Quando vede la sua tata, fugge via così maldestramente, che il vento che ha richiuso la porta sulla sua gonna e  gliela strappa. Non andrà a passeggiare. È giusto!



[Traduzione di Massimo Cardellini]


LINK all'opera originale:
M.elle Marie Sans-Cure


LINK interni concernenti lo stesso autore:
Georges le distrait, 1889, [Giorgino il distratto]



Repost 0
31 ottobre 2009 6 31 /10 /ottobre /2009 08:34

Proseguiamo nella presentazione di altre opere di John Leech (1817-1864),  create nel 1850 e nel 1851, tratte dal grande settimanale londinese PUNCH, The London Charivari, come recitava il suo sottotitolo.  Due storie di genere protofumettistico o narrazione ad immagini se si preferisce. Anche se raramente Leech fu uno degli autori di satira dei costumi sociali ad usare il filatterio, quello che noi chiamiamo fumetto, quell'espediente tecnico narrativo in cui vengono poste le parole proferite dai personaggi delle storie stesse, ne abbiamo un raro esempio nella quinta vignetta qui sotto.

Con queste due storie aventi a protagonista un certo Mr. Briggs, ad essere presi di mira sono i "piaceri dell'allevamento dei cavalli", attività a cui un gentlemen dell'epoca, e probabilmente anche dei nostri tempi, non poteva proprio sottrarsi. Anche la moda ha i suoi diktat...

John Leech - 'Mr. Briggs'

Pleasures of Horsekeeping

1850




Pleasures of Horsekeeping


By the time Mr. Briggs's horse (which suits him exactly) has recovered from his cold, a long frost sets in.

Groom. 'That's just what I say, sir; it is aggeravatin' to see a nice oss like that, sir, a doin' nothin' but eatin' his ed off!'



 
 


 



The Frost goes and Mr. Briggs's horse is disagreeably fresh after his long rest. He sets up his back and squeaks, and plunges at everything he meets.


 
 
 


 



Mr. Briggs, not being good at his 'fences', goes through the performance of opening a gate.


 
 
 
 


 



Mr. Briggs has another day with the hounds.

Mr. Briggs can't bear flying leaps, so he makes for a gap - which is immediately filled by a franctic protectionist, who is vowing that he will pitchfork Mr. Briggs if he comes 'galloperravering' over his fences - danged if he doant !



 
 
 
 
 


 



Mr. Briggs has gone to the exhibition. - A Boy holds his horse in the meantime.

(in speechbaloons) ' Come, you get off you've had your turn' -
'Go along Irish. I shan't ! Why, I aint galloped im yet'



 
 
 
 


 

Mr. Briggs starts on his fishing excursion.


 



 
  Mr. B. won't have a man with him, as he thinks he can manage a punt by himself; and the consequence is, he is obliged to go to bed while his things are dried, having upset himself, as a matter of course.

 
 
 
Mr. Briggs tries (for many hours) a likely place for a perch; but , upon this occasion, the wind is not in a favourable quarter.

 
 










Minnow caught by Mr. Briggs, August 23rd 1850. - Exact size of life.








Mr. Briggs thinks of running down the day after to-morrow to his friend Haycock for a day's shooting, and has borrowed a dog to go with him. For the ninth time during the night he has been disturbed by the howling of the animal.




Mr. Briggs no sooner returns to his bed, than Mrs. Briggs says, 'My dear! There's that nasty tiresome dog again!!'













Mr. Briggs has another day's fishing.

He is so fortunate as to catch a large eel.








Triumphant success of Mr. Biggs.


Somehow or other (assisted by his little boy Walter), he catches a Jack, which, to use Mr. B.'s own words, flies at him, and barks like a dog !











Mr. Briggs has another glorious day with the hounds, and gets the brush (for which he pays half-a-sovereign - only don't tell anybody).

 
 



 
 


 
1851





Mr. Briggs has backed himself to ride a steeple chase against his friend Muffins, of the St-k Exch-nge. He is going round the course just to look at the jumps.

Spectator (to Mr. B) 'Oh no, sir! - This ain't the Big One. The Big One is after you get out of the lane and afore you come to the brook.






Mr. Briggs Rides his Match




Mr. Briggs is weighed, of course.






His friends recommend him a little jumping powder.







Here he takes a preliminary canter, and puts his horse at a flight of hurdles.






and gets over very cleverly.




Some time after the start, Mr. Briggs goes on the wrong side of the flag, and is obliged to go back, which, as the ground is rather heavy, 'takes it out of old Blunderbuss considerably'.







who, in consequence, makes a mistake at the next fence.






However, Mr. Briggs is not hurt; and after some exertion, remounts.










Mr. Briggs as he appeared, coming to the brook. In the distance may be observed his opponent, who has a nasty fall, but fortunately tumbles on his head.







Mr. Briggs, as he appeared in the brook.





As he appeared when he came out of the brook.









Portrait of Mr. Briggs Winning the race. - N.B. The dense crowd is cheering him.





Mr. Briggs (We suppress the Gentlemman's name for obvious reasons) thinks he will go to Hampton Races.




On his return from the races, he assures his man that he's a most 'ekshellent servant' - that the mare never carried him better. He also tells him to make the mare quite 'comf-able', and to be 'very caref-l of hish candle' because there's so much straw about!








Mr. Briggs, anxious to become a 'complete angler', studies the 'gentle art' of fly-fishing.








Mr. Briggs goes out. His chief difficulty is, that every time he throws his line - the hooks (of which there are five) will stick behind in his jacket and tr-ws-rs.











Mr. Briggs goes grouse shooting.



9 A.M. His arrival on the moor. - Mr. Briggs says that the fine bracing air makes him so vigorous that he shall never be beat. he also facetiously remarks that he is on 'his native heath', and that his 'name is Macgregor!'

The result of the day's sport will be comunicated by Electric Telegraph.




Mr. Briggs grouse shooting.

11 a.m. Mr. Briggs begins to show symtoms of distress. He finds his 'native heath' a very different thing to his native Flag Stones.






12 a.m. Total prostration of Mr. Briggs.




Mr. Briggs is off again shooting.





[A cura di Massimo Cardellini]




LINK al post originale:
John Leech, Mr. Briggs, 1850

LINK pertinenti all'autore trattato:
Gilbert Abbott à Beckett, The Comic History of Rome, xilografie di John Leech,1850
John Leech, Mr. Noddy's, da PUNCH, 1855

LINK all'archivio on line delle opere di Leech disegnate per il celebre Punch:
John Leech Sketch archives from Punch



LINK interni pertinenti al protofumetto di lingua inglese:

John Tenniel, How Mr. Peter Piper... Near Burhampoor, Bengal, 1853.
Richard Doyle, Brown, Jones and Robinson, 1850
John Leech, Mr. Noddy's, 1855
Charles H. Ross & Marie Duval, 'Ally Sloper', 1867, 1
William Heath. White Bait, 1830
Charles Keene, 'The Adventures of Miss Lavinia Brounjones' (1866)
Anonimo, The Flying Machine, 1865
Gilbert Abbott à Beckett, The Comic History of Rome. Xilografie di John Leech, 1850


Repost 0
22 ottobre 2009 4 22 /10 /ottobre /2009 08:35





Cham (1818-1879), che è stato uno dei più famosi disegnatori, caricaturisti ed autori di protofumetti del XIX secolo, era lo pseudonimo di Amédée de Noé, figlio del conte Louis de Noé. Dopo studi al Politecnico e di matematica si dedicò al disegno e la pittura.

È celebre anche per aver creato sulla scia di Toppfer un celebre protofumetto
Monsieur Lajaunisse. Collaborò per il famosissimo giornale di satira politica e sociale Charivari per il quale collaborò per ben 36 anni e per cui assunse lo pseudonimo Cham, cioè Cam, un riferimento ai suoi due nomi Charles e Amédée ma anche un comico riferimento  al fatto che egli fosse figlio del conte de Noé, cioè in italiano Noè, l'uomo a cui Dio ordino di salvare la sua famiglia e gli animali dal diluvio che presto avrebbe inviato sul mondo.

Collaborò anche per altre riviste come L'Illustration e si dedicò a scrivere
anche
opere teatrali oltre che racconti di viaggio ed albi di caricature.

In questo post presentiamo un suo lavoro uscitò sul celebre giornale di satira sociale e politica Charivari, Souvenirs Charivariques de Spa, in cui Cham prende alla berlina, non senza compiacimento e indulgenza, la ricca fauna che si reca nei posti di villeggiatura per i più disparati motivi, non ultimo il gioco d'azzardo.

 













Escursione al Castello di Montjardin


Avviso alla Società protettrice degli animali








Cascata di Coo


Le persone avide di emozioni possono procurarsene di molto intense

compiendo questa gita in barca








La Casa dei Giochi

-Il croupier: A chi queste tessere?
-Tutti: "A me! a me! a me!






Varietà dei bevitori d'acqua

Il bevitore serio ed il bevitore esperto

 

 

 

 

 

 

 

 

Al ballo


-Signore, siate galante! Fate ballare questa signorina di fronte a me
-Qui Signora, non faccio saltare che la banca












Il Risveglio

-Hai per caso sognato un numero?








Il Sogno

-Diavolo! È imbarazzante! Quale sarà quello buono?

 

 

 

 

 

 

 

 


Ah mio Dio! Mia moglie si è sbagliata di fontana! Ha bevuto alla fonte cristalizzante!

Eccola ora completamente congelata! Però, dopo tutto era una bella seccatura!

Decisamente le acque di Spa hanno del buono.


 

 

 

 

 

Rosso perde !!!


-Cribbio! Il denaro che mi restava per pagare l'albergo!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Sentiero degli Artisti


-Al diavole le crinoline!! Fate dunque attenzione, Signora,

la vostra gonna sfrega la mia tela e cancella il mio albero


 

 

 

 

 

 

Le Scatole di Spa


-Ecco dunque la graziosa Scatola amico mio! Non costa che 60 franchi!

Ne prendo una per me e poi una per darla a zia Sophie, una alla cugina Hortense,

poi a mia nipote Caroline ed a sua sorella Marguerite e poi altre due per i nostri amici Blanchet.

Non possiamo tornare da Spa a mani vuote.

 


 

 

 

Un Cattivo Perdente


-Croupier della malora! Prendi questo!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

-Via andiamo! Ecco i cavalli di mia moglie e del suo cugino che se ne vanno ed il mio non vuole saperne di andare!

È sempre così ogni volta che il cugino di mia moglie sceglie i cavalli io ho sempre un ronzino che mi lascia indietro.

 

 

 

 

 

 

La Colonna

 

-Guarda cara, ecco il sito della Colonna del marito, vedi com'è boscoso,
-Il marito?
-Ma no! Il sito.

 

 

 

 

 

 

Signora! Perché piangete?

 

-Signore, ho calpestato inavvertitamente la lastra di san Remacle.

-Rallegratevi, Signora, è contro la sterilità, avrete un bambino.

-Ah, mio Dio! Sono una donna perduta! Mio marito è morto da tre anni!






[Traduzione di Massimo Cardellini]


LINK al post originale:
Souvenirs charivariques de Spa

LINK ad un sito dedicato a Cham:
Amédée De Noé

Repost 0
13 ottobre 2009 2 13 /10 /ottobre /2009 16:11




La Signorina Maria Senza cura















II

Maria Senza-Cura non mette mai a posto né i suoi arazzi né la sua lana né i suoi aghi né le sue forbici.

Poiché non presta mai attenzione a nulla, si siede maldestramente sulle forbici e sugli aghi.

Povera Maria Senza-Cura! Si salva lanciando grida terribili, perché gli aghi e le forbici non vogliono abbandonarla.

Non sapendo cosa stia accadendo, Tutu accompagna la sua padroncina con aria triste.







Per strappare le forbici e gli aghi, occorsero delle forti tenaglie ed il più abile chirurgo del luogo. Marie Sans-Cure gridava
quanto più poteva e Tutu, per solidarietà, gridava anche lui... Che pena per la mamma avere una figlia senza cura!










III

MARIA SENZA-CURA ED I SUOI UCCELLINI

Quale felicità per la piccola Maria! Suo zio, il tenente di vascello le ha riportato un giorno una bella gabbia con graziosi uccellini rossi e blu. Fa salti di gioia e promette di averne cura e di essere per essi come una piccola mamma.

All'inizio non fa altro che badare ai suoi graziosi uccellini che fanno cui, cui, cui e saltyano di asticella in asticella per tutta la gabbia.

Maria dimentica presto la sua bambola Franchette, che, per il dispiacere, perde il suono del suo povero corpo.





Uscendo però, Maria Senza-Cura, invece di riagganciare la gabbia, la lascia sul tavolo, ed il cattivo e malvagio Micio si rizza sulle zampe per vedere per osservare gli uccellini.

Con i suoi artigli il malvagio Micio si impadronisce del più bello degli uccellini. Marie Senza-Cura rientra giusto in tempo, corre dietro il gatto con quanto fiato può; ma lo scellerato si rifugia sul tetto e mangia il povero piccolo. Ah! potesse strangolarsi con le piume! Maria Senza-Cura ha un bel piangere, vede divorare il suo caro piccolo uccellino.

Non ci sono più che due piccoli uccellini; e Maria Senza-Cura vuole agganciare la sua gabbia in modo che l'orribile Mico non possa raggiungerli.







Solo che non ha avuto cura di controllare se il chiodo è ben agganciato al muro. Ed ecco gli sfortunati uccellini precipitare con la loro gabbia dall'alto della finestra nel cortile.

Uno dei cari piccolini è rimasto ucciso nella caduta. Maria si lamenta e si strappa i capelli; ma le lacrime non restituiranno la vita al povero piccolo. È troppo tardi.

La gabbia viene riaggiustata e si cura bene l'ultimo dei tre graziosi uccellini. Sfortunatamente per lui, è Maria Senza-Cura che si incarica di dargli i semini nella sua mangiatoia e dell'acqua nella tazzina di cristallo.

Naturalmente Maria Senza-Cura se lo dimentica. E, un bel mattino, ritrova il suo ultimo uccellino morto di fame e di sete nella sua gabbia.







Maria è disperata. Ma questo non riporterà in vita  il povero uccellino...

E la mamma è molto triste pensando al futuro della sua figliolina... Ecco cosa vuol dire essere Maria Senza-Cura!






[Traduzione di Massimo Cardellini]


LINK all'opera originale:
M.elle Marie Sans-Cure





Repost 0
11 ottobre 2009 7 11 /10 /ottobre /2009 13:48



Dalla simpaticissima rubrica Caricaturothèque, del blog Caricatures & caricature, un'interessante selezione di immagini avente a tema la riduzione dei bersagli della satira a bestie più o meno ripugnanti, nel solco quindi, della più classica tradizione esopea o fedriana.





ANIMALIZZAZIONI NELLA CARICATURA.






 

image hébergée par photomaniak.com

Graffito romano, primi secoli avanti Cristo.

"Alexamene adora Dio"

 





 

     

 image hébergée par photomaniak.com

Disegno di Le Brun, XVII secolo 









 

image hébergée par photomaniak.com

  Incisione anonima, 1797.

La scritta in alto ed in basso rispetto alla vignetta recitano rispettivamente:

"Baciate questo papa e fate zampe di velluto", e: "Il trattato di pace con Roma (1797).










 

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Grandville, Les ombres portées [Le ombre possedute], da La Caricature n° 5
3 novembre 1830. 









image hébergée par photomaniak.com

  Incisione anonima, Pitt aux assistants [Pitt agli assistenti], senza data. 











 image hébergée par photomaniak.com

Disegno di Grandville, Cabinet d'histoire naturelle [Studio di storia naturale]

Da: La Caricature n° 128, 18 aprile 1833. 









   

image hébergée par photomaniak.com

Disegno di Grandville, Famille de scarabées [Famiglia di scarafaggi], senza data. 









 image hébergée par photomaniak.com

Disegno di Daumier, "Le chat, la belette et le petit lapin",

[Il gatto, la donnola e il coniglietto], La Caricature n°235, 7/5/1835. (Luigi Filippo) .









  

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di André Gill, Emile Ollivier, L’'Eclipse n° 4, 16 febbraio 1868. 










image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di Daumier, Page d'histoire, [Pagine di Storia], Le Charivari, 16 novembre 1870. 









 

image hébergée par photomaniak.com

Disegno di Faustin

Maître Ollivier. Le Papillon des Soirées... Le fléau de la France

[Maestro Ollivier. La falena delle Serate... Il flagello della Francia]

  Le Musée-Homme ou le jardin des bêtes n° 6.  










 

image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di E. E., Le jour et la nuit [Il giorno e la notte], Le Lampion n°3, senza data 

-Dalla discussione scaturisce la luce.......... 
(Léon Gambetta et Jules Favre) 











image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di Alfred Le Petit, Le serpent et la lime [Il serpente e la lima]

L’Eclipse n° 148, 27 luglio 1871.









 

image hébergée par photomaniak.com

Disegno di Alfred Le Petit, Addition, [Addizione], Le Grelot n° 32, 19/12/1871.
(Adolphe Tiers)  









    

image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di André Gill, Insecte nuisible, [Insetto nocivo], L’Eclipse n° 208
20 ottobre 1872. 











image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Alfred Le Petit

L'ange gardien des journalistes, [L'angelo custode dei giornalisti]

Le Pétard n° 11, 2 settembre 1877. 










image hébergée par photomaniak.com

Disegno di Pépin, Le Renard et le corbeau [La Volpe e il corvo], Le Grelot n° 348
9  dicembre 1877.
(Léon Gambetta)  









image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Frid'Rick, senza titolo, Calotte et Calottins [Calotta e papaline].
Histoire illustré du clergé et des congrégations
, 1880. 









 

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Alfred Le Petit, Jules Claretie, Les Contemporains n° 22, 1881.

 







image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di Alfred Le Petit, Souvenir du 14 juillet [Ricordo del 14 luglio]
La Charge, 14 luglio 1888.
(Il generale Boulanger e Jules Ferry) 

 







  

image hébergée par photomaniak.com

Disegno di Pépin, Une belle pensée de Jules Ferry [Una bella trovata di Jules Ferry]
Le Grelot n° 949, 16 giugno 1889.  








 

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Gilbert-Martin, La peine du talion [La legge del taglione]
Le Don Quichotte n° 777, 18 maggio 1889, (Bismarck) 









image hébergée par photomaniak.com
Anonimo, senza titolo, Le Lillois, 2 aprile 1893. 











           

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Chanteclair, Physiognomonie [Fisionomia]
La Libre parole illustrée, 4 agosto 1894.
(Casimir Perier) 

 







 

image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di Lenepveu, Le roi des porcs [Il re dei porci]
La Musée des Horreurs n°4, 1899.
(Emile Zola) 










image hébergée par photomaniak.com
Disegno di Léandre, Le candidat de "la feuille" [Il candidato di "La Feuille]
La Feuille, 1898.

 









 

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Veber, Lord Kitchener, L'Assiette au beurre n°26, 28 settembre 1901

[Didascalia: -...Posso dire sin d'ora che la guerra del Transvaal è terminata. Il paese è tranquillo e vi sono giunto
evitando qualsiasi spargimento di sangue. I campi di concentramento in cui ho riunito le donne e i bambini
compiono con rapidità la loro opera di pacificazione… (Rapporto ufficiale del generale Kitchener al War Office.) ]







 

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Jossot, senza titolo, L’Assiette au beurre n° 59, 17 maggio 1902 (CRA). 










image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di Orens, Le caïman et les corbeaux [Il caimano e i corvi]
cartolina postale del 21 gennaio 1903.
(Emile Combes) 











image hébergée par photomaniak.com

L’Action nationale n° 3, 30 luglio 1903.  












 

image hébergée par photomaniak.com

Disegno di Steinlen, Le souteneur naturel des jugeurs [Il sostegno naturale dei giudicatori]

 L’Assiette au beurre n° 357, 14 novembre 1903.  














 

image hébergée par photomaniak.com

Disegno di Ogé, cartolina postale, 1904 circa.  









  

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Boby, A Bérenger: un spéculum [a Bérenger:uno speculum]
L'Assiette au beurre n°195, 24 dicembre 1904. 











image hébergée par photomaniak.com

 Le concert de la Loge Fraternité [Il concerto della Loggia Fraternità]
Cartolina postale, senza data. 









 

image hébergée par photomaniak.com
L'araignée d'Eglise [Il ragno di Chiesa]
Manifesto adesivo, disegno di Gino, 1906 circa. 









 

image hébergée par photomaniak.com

  Manifesto adesivo, disegno di Foggini, C'est la lutte finale... [E' la lotta finale...], 1905.

 








  

image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di Lange Gabriel, La pieuvre de Loyola [La piovra di Loyola]
La Calotte n° 12, 30 novembre 1906. 









 

image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di Orens, L'oeuvre du serpent rouge [L'opera del serpente rosso]
Cartolina postale, 1906.
(Aristide Briand) 









  

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Pouah-Croa, La nuit de Noël [La notte di Natale]
La Calotte n° 168, 27 dicembre 1907. 












image hébergée par photomaniak.com

 Manifesto della rivista anticlericale Les Corbeaux [I Corvi], 1907. 










  

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Grandjouan, L'Assiette au beurre n°331, 3 agosto 1907.

[Didascalia: -Isolati siamo persi. Uniti, siamo salvi]








 


image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di Risly, L'école athée [La scuola atea]
La Bastille n° 421, 17 maggio 1912.  










  

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Henriot, La Baïonette, 22 giugno 1916.
(In fondo, l'aquila tedesca non è che una piovra!)













 

image hébergée par photomaniak.com 

 Disegno di Sennep, riprodotto in L'Abatoir des cartellistes!! [Il mattatoio dei cartellisti!!]
Bossard, 1928, (Edouard Herriot) .










image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di Sennep, Sur le fumier [Sul letamaio], Candide, 8 febbraio 1934.











  

image hébergée par photomaniak.com

 Disegno di Cabu, La voix de son maître [La voce del padrone]
L'Enragé, 16 giugno 1968.
(Pompidou, Charles de Gaulle) 








image hébergée par photomaniak.com 

 Disegno di Cagnat, Une minute de silence [Un minuto di silenzio]

n°1, 1° maggio 2002.












 

image hébergée par photomaniak.com

Dessin de Willem, Libération, 26 marzo 2004.
(Raffarin, Chirac, Sarkozy) 












 

image hébergée par photomaniak.com

  Disegno di Willem, Libération, 1° marzo 2004.
(Jacques Chirac) 











 

image hébergée par photomaniak.com 

  Disegno di Plantu, Le Monde, 6 maggio 2005.
(Bin Laden) 











 

 

 image hébergée par photomaniak.com

 

                           Foulard Brut [Rozzi copricapi], da Jossot (L'Assiette au Beurre)
                                 Le Canard enchaîné, 1° novembre 1989.











[Traduzione di Massimo Cardellini]


Link al presente lavoro tradotto:
L'animalisation dans la caricature




LINK a raccolte di materiale tematico relativo alla caricatura:
Caricature dell'Asiatico e stereotipi del pericolo giallo
Prima Guerra Mondiale



Repost 0
8 ottobre 2009 4 08 /10 /ottobre /2009 06:09

 


SETTIMO  SCHERZO


Francobollo commemorativo delle poste tedesche emesso in occasione del 125° anniversario della pubblicazione di Max und Moritz. L'immagine è tratta dalla prima vignetta della prima tavola del settimo ed ultimo scherzo di Max e Moritz



Il settimo ed ultimo scherzo dei due simpatici mascalzoni tedeschi ottocenteschi va alla fine a loro detrimento. Dopo essersi intrufolati in un granaio ed aver squarciato dei sacchi di grano, i due si nascondono per godersi la scena di quando il contadino li andrà a sollevare. Scoperti il contadino li infila entrambi in un sacco e li porta ad un mulino dove essi verranno macinati. Alcuni chicchi di grano fuorusciti dalla macchina si spandono a terra e formano la sagoma dei due monelli presto trangugiati da papere che stanno sempre nei paraggi alla ricerca di cibo.


































































Quarta di copertina dell'edizione di Max und Moritz da cui abbiamo tratto le storie

 





[A cura di Massimo Cardellini]


LINK ad un'edizione dell'opera on line:
Max und Moritz / Max and Moritz


LINK ad una versione inglese Max and Moritz da Internet Archive:
Max and Maurice, a juvenile history in seven tricks, (1898)


LINK interni:
Wilhelm Busch, La Pulce o Disturbo e ristabilimento della pace notturna, 1865
Wilhelm Busch, Il dente guasto, [Der hohle Zahn], 1865
Wilhelm Busch, Il virtuoso, [Der Virtuos], 1865
Wilhelm Busch, L'abile e creativo Barbiere ed il suo cane intelligente, 1865
Wilhelm Busch, I ladruncoli di miele, 1859



LINK interni pertinenti:
SAGGIO. Protofumetto. Antoine Sausverd, La pulce, il cane e la macchina da presa
SAGGIO, Antoine Sausverd, La puce, le Chien et le(s) maitre(s), [La pulce, il cane ed i(l) padroni(e)
Letteratura per l'infanzia. Germania. Heinrich Hoffmann, Pierino Porcospino, [Struwwelpeter], 1845
Protofumetto. Germania. Lothar Meggendorfer (1847-1925)


LINK esterni:
Max und Moritz, di F. Barbay e M. Kropf, al Teatro popolare di Vienna
, incredibile balletto avente a protagonisti i due discoli tedeschi ottocenteschi!


LINK AD OPERE SU W. BUSCH E SUE OPERE UMORISTICHE


LINK tratti da Internet Archive ad opere concernenti Wilhelm Busch e le sue opere (in tedesco, ahimè!):
Richard von Schaukal, Wilhelm Busch (1904)
Hermann Nöldeke, Wilhelm Busch, 1909
Wilhelm Busch und Eduard Daele, Ueber Wilhelm Busch, (1886)
Kleines Wilhelm Busch Album  (1907)



LINK tratti da Internet Archive ad opere in tedesco ed in inglese di Wilhelm Busch:
Wilhelm Busch Album (1904) in tedesco
Plish and Plum (1883) in inglese
Fipps, der Affe , (1902) in tedesco
Der Geburtstag, oder, Die Partikularisten , (1892) in tedesco
Abenteur eines Junggesellen, 1908 in tedesco
humoristischer Hausschatz, (1893)
in tedesco

Repost 0
6 ottobre 2009 2 06 /10 /ottobre /2009 07:45

SESTO  SCHERZO




Francobollo delle poste tedesche emesso nel 1990 tratto dall'ultima vignetta dell'ultima tavola
di questo sesto scherzo di Max e Moritz.





Francobollo delle poste tedesche emesso nel 1958, in occasione del 50° anniversario della morte di Wilhelm Bisch, autore dell'albo Max und Moritz, il disegno è tratto dal sesto scherzo e corrisponde al primo della terza tavola.



Sempre per la stessa ricorrenza è stato emesso questo francobollo rappresentante un'autoritratto di Wilhelm Busch.


Per quanto riguarda il sesto scherzo, questa volta è il fornaio ad essere preso di mira. Penetrati nel laboratorio attraverso il camino Max e Moritz, neri di fuliggine piombano in una grande cassa piena di farina. Dopo essersi arrampicati su una sedia per impossessarci dei preziosi biscotti appena sfornati, i due teppisti cadono nell'impasto. Di ritorno il panettiere accortosi di quanto accaduto li impasta e li inforna. Dopo essere stati ritirati dal forno, i due impasti a forma di Max e Moritz ,appoggiati al muro a raffreddarsi iniziano a muoversi, i due rosicchiano la crosta in cui sono prigionieri, si liberano e spariscono come al solito riuscendo a farla franca.










































































[A cura di Massimo Cardellini]







 

 

Repost 0
5 ottobre 2009 1 05 /10 /ottobre /2009 07:55










L'UNIVERSO ALLO SCRUTINIO


















































[Traduzione di Massimo Cardellini]

LINK alla prima edizione dell'opera:
Un Autre Monde





Repost 0

Presentazione

  • : Letteratura&Grafica
  • Letteratura&Grafica
  • : Documentazione dei processi di sintesi e di interazione profonda tra arte grafica e letteratura nel corso del tempo e tra le più diverse culture.
  • Contatti

Link