Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
3 febbraio 2011 4 03 /02 /febbraio /2011 08:00

 

 

Il terremoto ad Haiti, galleria di disegni



Questa galleria propone dei disegni vendemmiati illegalmente su Internet sul tema del terremoto ad Haiti. Le vignette sono classificate in ordine cronologico (il più recente è posto in alto). Galleria in corso di costruzione. Per ritrovare i siti o i blog dei disegnatori, veder la rubrica "Caricaturisti, link". Per ragioni che si possono immaginare, non abbiamo chiesto l'autorizzazione a nessun disegnatore, che essi vogliano scusarci di ciò anticipatamente. 

 

La maggior parte delle vignette presentate in questa galleria provengono dal sito di Daryl Cagle.

 

 

 


49828907.jpgFoolz, 16 febbraio 2010


A BAGNOLET UNA CASA OCCUPATA DISTRUTTA IN PIENO INVERNO


 

-Ora possiamo gemellarci con Port au Prince

 

 


49606590_p.jpgBerth, 11 febbraio 2010



 

HAITI CONTINUA A PREGARE


 

-Mio Dio, fai che ci sia un nuovo terremoto quando Sarkozy verrà a farci visita

 



49279174_p.gifBabouse, 3 febbraio 2010



 

TRADIZIONI DELLE NOSTRE REGIONI: LA CANDELORA AD HAITI


 

-Behhh, ancora una nutella marmellata!


 


 


 

 



%7Bb96678e1-2e2c-41be-b9b2-0641850cf414%Pat Bagley, 2 febbraio 2010



 

1980, 1990, oggi.

 


 

 

 

 



 %7B694a088b-dde7-4ffb-b2a7-a80f08ef4dbb%Gary McCoy, 31 gennaio 2010


 



 


 


 

 

 



zyglis.gifAdam Zyglis, 29 gennaio 2010


 


  LA SECONDA SCOSSA

 


 

 

 



49066846.jpgLarge, 28 gennaio 2010


 

TF1 - CNN

 

 

 



%7B7917d021-7f1c-4087-96a8-834048f6bf96%Cardow, 28 gennaio  2010

 



 


 


 

 



margulies.jpgMargulies, 28 gennaio 2010


 


 

(Cerotti)

 

 

 



trever.gifJohn Trever, 28 gennaio 2010

 

 

HAITI

 

 

 

INFRASTRUTTURE


 


 

 



camp.jpgMolina, 28 gennaio 2010


 

IL RINTOCCO


 

CLOOOONG!!


 

NICARAGUA

(Capriccio dei costruttori; Progetti di costruzione su faglia sismica; disordine urbano)


 


 




%7B9eb73d76-a992-4784-88c4-ea16e9ab19be%Brian Adcock, 27 gennaio 2010


 

COSA È SUCCESSO?

 

 

 


 

 



arial.gifRobert Ariail, 27 gennaio 2010

 

 

IL COLLO DI BOTTIGLIA


 

INFRASTRUTTURE HAITIANE

 

 

 


 

 


 


pin-pon.jpgBauer, 27 gennaio 2010

 

AIUTO UMANITARIO AD HAITI...

 


 


 

 

 

 


francisco.jpgManny Francisco, 26 gennaio 2010

 


 


 

 

 


petar.jpgPetar Pismestrovic, 25 gennaio 2010

 

 


 

 


 


glez.jpgDamien Glez, 25 gennaio 2010


 


 

 

 

 

 

 

 

 

 


stavro%2001232010%20rdl.jpgStavro, 23 gennaio 2010

 

-Si cercano i sopravvissuti...

 

HAITI SOTTO CHOC

 

Molti morti!

 

 

 

 

 

 


48876634.jpgJiho, 23 gennaio  2010

 

-Cosa ci va a fare Sarko ad Haiti!

 

-A vedere i Senza Fissa Dimora (SDF)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


%7B3a91a8a5-3c8f-408f-9d1e-798cc73ee825%Bob Englehart, 22 gennaio 2010


 

-Il Governo degli Stati Uniti vuole ottenere che tutto sia fatto al più presto possibile,

mentre siamo ancora interessati!

 

 

 

 

 


color-haiti-rlf-pace-web.jpgDave Granlund, 22 gennaio 2010

 

 

RILEVAMENTO SISMA HAITI

 



 

 

 


jm012210_COLOR_John_Edwards_Haiti.standaJime Morin, 22 gennaio 2010


 

JOHN EDWARS VISITA HAITI...

 

 

-Oh, Signore, quanto dobbiamo ancora soffrire?!

 




 

 

 

 


%7Bebada1c7-42a3-4fea-9934-5107d7e881bf%John Cole, 21 gennaio 2010

 

 

AIUTI TARDIVI

 



 


 


%7B74465bc8-afaa-4fd9-ad74-a87153f01cbe%Daryl Cagle, 21 gennaio 2010

 

 

STAMPA: -Come si sente ad essere intrappolati sotto le macerie?




 


 


48805545.jpgJiho, 21 gennaio 2010


 

BESSON SOSPENDE LE ESPULSIONI VERSO HAITI

 

-Vedrete... l'Afganistan non è poi così male...


 

 

 

 


haiti_REDUIT.jpgGoubelle, 20 gennaio 2010, La Charente Libre


 

I CANTANTI FRANCESI SI MOBILITANO PER HAITI

 

-Il fato si accanisce su di noi!


 

 

 

 

 

 


%7B5d5ef8da-0bad-4d4e-83bc-f89bd68f78e7%Keefe, 20 gennaio 2010

 

 

PIATTAFORMA DEL GIORNO

 


 


 

 

 


48770073_p.jpgLarge, 20 gennaio 2010

 

BOUYGUES COSTRUZIONI


 

-Ora bisogna ricostruire...

 

 

 

 

 

 

 

 

 


%7Bb5ccd7c6-216f-484c-a508-ac743c898c5e%Angel Boligan, 20 gennaio 2010

 

 

 

 

 


%7B75d501a5-7007-4e14-b76e-06db62c2e02a%Arcadio Esquivel, 20 gennaio 2010

 


 

 

 

 


%7B17ff1bce-2685-4e07-823a-f2fb21d4ba6c%Arcadio Esquivel, 20 gennaio 2010

 


 

 

 

 

 

 


%7Bf35b67c5-1d9b-4789-8cef-7b7110e9a69d%Pavel Constantin, 19 gennaio 2010

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 


%7Be95a197b-d665-4f7c-bfc2-66316bedd28b%Dario Castillejos, 19 gennaio 2010


 

 

 

 

 

 

 


%7B2da2657b-4924-4273-8867-fe8ba956720a%Cardow, 19 gennaio 2010

 

 

-Muori maiale americano! Siete i figli immorali di Satana ed il male al di là di ogno redenzione!!

 

-Svelto! Passami la pala!!

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 


%7B8a3fe358-1327-4436-9633-3bb47762f86e%Milt Priggee, 19 gennaio 2010


 


 

 

 

 

 


%7B4d009eb1-1567-4248-b6a3-778acd857471%Brian Fairrington, 19 gennaio 2010


 

200.000 UOMINI, DONNE E BAMBINI SEPOLTI SOTTO TONNELLATE DI MACERIE

 

UN ASINO SEPOLTO SOTTO TONNELLATE DI RISTRETTA IGNORANZA

 

-Sono stati maledetti da domineddio... me lo ha detto di persona.

 

 

 

 

 

 


%7B7ba449c7-f262-4f9d-ba85-38ed1b89c613%Frederick Deligne, 19 gennaio 2010

 

-Ricordami più tardi del tuo aumento delle labbre. Ora ho un'emergenza.


 

 

 

 

 

 

 

 


100120beelertoon_c20100120011919.jpgNate Beeler, 19 gennaio 2010

 

 

 

COMPASSIONE 2.O

 

A: 90999

Testo: Haiti

 

22 milioni di dollari raccolti per aiuti ad Haiti

 

 

 

 

 

 

 


%7B4ee1bc0d-a228-4c1f-a45a-03ee48ac8eda%Paresh Nath, 19 gennaio 2010

 

 

LITIGI

 

 

 

 

 

 

 

 


48733885.gifSiné & co, 19 gennaio 2010

 

 

 

HAITI: 200 ANNI CHE SI MUOVE

 

 

-... e tra un mese si fa zapping!

 

 

 

 

 

 


48745155.jpgBallouhey Pierre, 19 gennaio 2010

 

 

AIUTO!

 

 

 

 

 

 


48713685.jpgBar, 19 gennaio 2010

 

 

HAITI: DIO È GRANDE

 


 

 

 

 


%7B57781890-111c-4fc9-ab12-fb0461e378bb%Olle Johansson, 18 gennaio  2010

 

 

 

 

PERCHÉ?

 

 

 

 

 


%7Bd0aa4076-b073-403a-b8ff-2fbdabe20c68%Cardow, 18 gennaio 2010

 

 

IMPOSSIBILE IGNORARE...


 

 

 

 

 


%7Bed843191-9c2d-4468-985b-14df4c1199fc%Yaakov Kirschen, 18 gennaio 2010

 


 

 

 

 

 

 

 


gm10011820100120125737.jpgGlenn McCoy, 18 gennaio  2010

 

 

LO HANNO FATTO VENIRE LORO

 

 

 


 

 

 

 

 


 

 

 

 


48674919.jpgSergio, 17 gennaio  2010

 

SOLIDARIETÀ CON HAITI

 

-Nomale... Questa volta la catastrofe è naturale...

 

 

 

 

 

 

 


jan17-10.gifCorrigan, 17 gennaio 2010

 

 

-Sono tornati di nuovo...

 

-Non sono mai andati via!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

354744503-sauver-haiti.jpgChappatte, 16 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 

 


stavro-action%20011610.jpgStavro, 16 gennaio 2010

 

 

AIUTO!!

 

 

 

 

 

 


1263568635721870000.jpginternational.daralhayat.com, 16 janvier 2010

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


varv01162010a20100116063134.jpgGary Varvel, 16 janvier 2010

 

 

 

 

 

 

 

 

 


48618749_p.jpgMarc Large, 16 gennaio 2010


 

-Toh... ma è divertente... Questo qui lo avevo appena espulso .

 

 

 

 

 

 


%7Bb765f9d4-bc54-4410-bd98-bf94f47fde39%Randy Bish, 15 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 

 

 


%7B94d3a421-fa39-4196-9e26-3fcac3d6b724%Deng Coy Miel, 15 gennaio 2010

 


 

 

 

 

 

 


%7B11419e8c-2b6b-4b8e-bd62-62a33f1a64cb%Dave Granlund, 15 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 


nell.jpgJeremy Nell, 15 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 


breen.jpgSteve Breen, 15 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 


englehart.jpgBob Englehart, 15 gennaio 2010

 


 

 

 

 

 


lb0115cd20100114025657.jpgLisa Benson, 15 gennaio 2010

 

 

AIUTO!



 

 

 




18601fe448c3809d9e61a7cd6468.jpegThe Hamilton Spectator, 15 gennaio 2010

 

 

-La pronuncia locale è HADES.

 

 

 

 

 

 


73503_600.jpgCardow, 15 gennaio 2010

 

 

-Lei è chiaramente sconvolta... a un momentino per descriverci cosa prova?

 


 

 

 


tayo.gifTayo Fatunla, 15 gennaio 2010

 

 

 

-Il nostro Tsunami

 

 

 

 

 

haiti.jpgHerrmann, 15 gennaio 2010

 

 

-E ora lo tsunami umanitario!

 

 

 

 

 

Burki_150110.jpgBurki, 15 gennaio 2010

 

 

 

 

 


_resize_picture_portal.php?member=cp&w=5André-Philippe Coté, 15 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 


matson.jpgR.J. Matson, 15 gennaio 2010

 

 

 

 

 


granlund.jpgDave Granlund, 15 gennaio 2010

 

 

 

 


benson.gifSteve Benson, 15 gennaio 2010


 

 

 

 

 

 

 


beattie.jpgBruce Beattie, 15 gennaio 2010

 

"Il terremoto è stato del 7.0 della scala Richter. L'ammontare delle sofferenze

che ha causato... bene... questo non si può misurare".


 

 

 

 

 

 

 

 


px2280c.jpgPedro X. Molina, 15 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 

 

 


cole.jpg
John Cole, 15 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 


stahler.jpgJeff Stahler, 15 gennaio 2010

 

 

LAVORO IN CAMBIO DI CIBO

 

 

 

 

 

 

 

 

 


sherffius21.jpgJohn Sherffius, 15 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 

 

 


plante.jpgBruce Plante, 15 gennaio 2010

 

 

-Questo succede perché voi avete fatto un patto con il diavolo 200 anni fa.

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 


SDElIud.jpgStephff, 15 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 

 


lacombe150110a_col.jpgLacombe, 15 gennaio 2010

 

 

APPELLO PER AIUTI AD HAITI

 

 

-Non posso! Mi hanno preso tutto per rimpizzare le banche...

 

 


 

 

 

 

 

 

 


73511_600.jpgJohn Cole, 15 gennaio 2010

 

 

 


 

 

 


1815786825.jpgLasserpe, 15 gennaio 2010


 

SISMA, LA FRANCIA AIUTA HAITI

 

 

-94 milioni di pale, grazie signora Bachelot

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2444967.binAislin, 15 gennaio 2010

 

 

Sì, noi possiamo...

 


 

 

 

 

 

 


cagle00.gifDaryl Cagle, 14 gennaio 2010

 

 



 

 

 

 

 


%7B23dcfad3-b545-4180-b902-42df15bc4cea%Dave Granlund, 14 gennaio 2010

 

 

INVIATO A COPRIRE IL TERREMOTO...

 

 

-Queste sono le ultime notizie da Haiti... questo è ciò che sta succedendo nei vostri paraggi...

 

 

 

 

 

 

 

 

 


%7Bccf35421-4e98-475e-b3eb-449c55653ab2%Joe Heller, 14 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 

 


73389_600.jpgOlle Johansson, 14 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 


deering.gifJohn Deering, 14 gennaio 2010

 

 

 

-Speriamo almeno che le Nazioni Unite siano qui molto presto...

 


 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

broelman.jpgPeter Broelman, 14 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 

 

 


keefe.jpgMike Keefe, 14 gennaio 2010

 

 


 

 

 

 

 


dilem_photo_683_TV5140110.jpgDilem, 14 gennaio 2010

 

SISMA AD HAITI

 

LA COMUNITÀ INTERNAZIONALE SI ORGANIZZA

 

 

-Resistete... Arrivano i giornalisti!


 

 

 

 

 

 

 

 

 


bagley.jpgPat Bagley, 14 gennaio 2010

 

Questo genere di cose accade agli altri che non sono benedetti come noi.

 

 

THE BIG ONE


 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

billday.jpg

 

 

Bill Day, 14 gennaio 2010



 

 

 

 

 

 

 


jm011410_COLOR_Haiti_Earthquake.standaloJim Morin, 14 gennaio 2010

 

 

 

Perché a noi?


 

 

 

 

 


simanca.jpgSimanca Osmani, 14 gennaio 2010

 

 

PRIMA

 

 

 

DOPO

 


 

 

 

 

 


0114-5Sondron.jpgJacques Sondron, 14 gennaio 2010

 

 

 

HAITI NON È PIÙ CHE UN GRIDO DI DOLORE...

 


 

 

 

 

 


fitzsimmons.gifDavid Fitzsimmons, 14 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 

 

 



greenberg21.jpgSteve Greenberg, 14 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 


arcadio.jpgArcadio Esquivel, 14 gennaio 2010

 

 

 

 

 

 


48511616.jpgBar, 13 gennaio 2010

 

 

 

HAITI

 

-...E soprattutto salute!

 

 

 

 

 

 

 


mccloskey.jpgJim McCloskey, 13 gennaio 2010

 

 

La sofferenza è un frutto, che Dio non permette si sviluppi sul ramo

perché troppo debole per sopportarlo

(Victor Hugo)


 

 

 

 

 

 

 

 


320359240.jpg
Chimulus, 13 gennaio 2010

 

 

-Terribile terremoto ad Haiti

 

Merda! Una replica!

 

 

 


corrigan.jpgPatrick Corrigan, 13 gennaio 2010

 

 


 

 

 

 

 

[Traduzione di Massimo Cardellini]

 

 

 

LINK:
Le Tremblement de terre en Haiti, galérie de déssins 


 

 

 

 

 


Repost 0
23 gennaio 2011 7 23 /01 /gennaio /2011 20:03

La pappagallomania di Edouard Chevret


 

perroquettomanie-00.jpeg

Edouard Chevret, Album comique. La Perroquettomanie, 1861.
Fonte: gallica.bnf.fr

 

 

 

di Antoine Sausverd

 


 

Scovato su Gallica, quest'uccello esotico ci era sconosciuto. La Perroquettomanie [La pappagallomania] è un albo comico datante al 1861 che oggi qualificheremmo come autopubblicazione. I disegni e i testi sono firmati da Édouard Chevret, la litografia è opera di Canquoin. Entrambi sono originari di Marsiglia, il che lascia pensare che il nostro albo lo sia anch'esso. Disegnatore, caricaturista, poeta, Edouard Chevret è nato nella città focea, il 6 gennaio 1835, e morto nella stessa città il 9 dicembre 1874 [1]. Il Dico Solo non indica che una collaborazione a L’Oursin nel 1867.

 

Lo stile grafico di Chevret non ha nulla di indimenticabile. Il suo albro non si distingue nemmeno per un'impaginazione particolarmente inventiva. La quarantina di pagine che lo compongono riproduce lo stesso modello, e cioè una serie di sei vignette disposte regolarmente sulla pagina in due striscie. Il rapporto tra l'immagine ed il testo è molto spesso illustrativo o pretesto a dei giochi di parole per contrapposizione.

 

Il nostro eroe, il signor  Frusquillard "celibe, maniaco e scontroso", inseguendo il suo pappagallo volato via (come altri l'Oggetto Amato), ricorda quelli delle prime storie ad immagini di Cham pubblicate presso Aubert sin dal 1839 (M. Lajaunisse, M. Lamelasse, ecc.). Ritroviamo presso il marsigliese lo stesso ritratto del borghese a cui accadono delle disavventura senza nessun altro filo conduttore se non quello di infilare delle situazioni comiche. Questa concatenazione di incidenti inverosimili non si compie d'altronde che con la morte dell'eroe, che sopraggiunge sempre in un modo tanto stravagante quanto immediato.

 

Tuttavia, La Pappagallomania ci strappa ancora qualche sorriso e si distingue per alcune peripezie delle più fantasiose. Così, il signor Frusquillard si fa divorare il naso da ratti affamati, ma l asua appendice nasale ricresce, più appuntita che mai, dopo essere stata annaffiata [2]. Il nostro borghese si fa esplodere la testa (poi riattaccata) dal suo dentista. Il suo paio di stivali è condannato dopo un processo ad essere impiccati... Inseguendo il suo pennuto che non fa che sfuggirgli, il signor Frusquillard giunge sino in Egitto ed in Italia, dove cade accidentalmente in fondo al Vesuvio. Lo sventurato si ritrova agli inferi dove incontra Minosse in persona.

 

perroquettomanie01.jpg

 Edouard Chevret, La Perroquettomanie, 1861. Fonte: gallica.bnf.fr

 

 

Al colmo della disperazione, il nostro eroe perde letteralmente la testa. Seguono una serie di visioni "abracadabranti" e da incubo che evocano le fantasmagorie grafiche di J. J. Grandville.

 

 

 

perroquettomanie02.jpg

 Edouard Chevret, La Perroquettomanie, 1861. Fonte: gallica.bnf.fr

 

 

In questo albo, Frusquillard dividela storia con due ruoli secondari; la sua domestica Héliotrope ed un geniere chiamato Tête-de-loup [Testa di lupo], che finiranno con lo sposarsi. L'immagine di un illustre discendente di questo militare da berretto peloso si impone a noi: il geniere Camember, che apparirà sotto la matita di Christophe una trentina di anni dopo in Le Petit Français illustré.

 

Ma è un altro geniere, cugino prossimo di Camember, che si apparenta di più con  Tête-de-loup: le sapeur Gruyer che Eugène Le Mouël creò per una tavola della tipografia Quantin nel 1886 [3]. Infatti, nelle due storie, il berretto peloso, abbandonato sulla strada pubblica dal suo proprietario, provoca un quiproquo simile: così, in due storie, il copricapo irsuto, scambiato per una bestia pericolosa, spaventa la popolazione e deve essere abbattuta!

 

perroquettomanie03.jpg

 Edouard Chevret, La Perroquettomanie, 1861. Fonte: gallica.bnf.fr

 

 

 

 

 

 

 

 

perroquettomania-4.jpg

Eugène Le Mouël, "Le sapeur Gruyer", Tipografia artistica di casa Quantin, Serie 1, tavola n° 14, 1886.

 

 

Torneremo prossimamente sulla ricorrenza del geniere nelle storie ad immagini del XIX secolo.

 

 

 

Antoine Sausverd

 

 

 

[Traduzione di Massimo Cardellini]

 

 

NOTE

 

[1] Cfr. Octave Teissier, Peintres, graveurs et sculpteurs nés en Provence, Bulletin de la Société d’études scientifiques et archéologiques de la ville de Draguignan, tomo XIV, 1882-1883, p. 13. Link  

 

[2] Il che fa del signor Frusquillard un candidato per la nostra rubrica Fumetti disegnati a naso.

 

[3] Eugène Le Mouël, Le sapeur Gruyer, Imagerie artistique de la maison Quantin, Serie 1, tavola n° 14, 1886.

 

 

 

LINK al post originale:

La Perroquettomanie par Edouard Chevret

Repost 0
31 dicembre 2010 5 31 /12 /dicembre /2010 07:17

 

"Una ciocca dei vostri capelli, Maestro!..."


 

maestro--1.jpg

Caran d’Ache, Musical competition, apparsa nel 1893 on Almanack for 1894, supplemento di fine anno della celeberrima rivista satirica inglese Punch.


 

 

di Antoine Sausverd

 

 

Scovata sul sito www.griffioen-grafiek.nl, questa tavola firmata Caran d'Ache è interessante per più di un motivo. Innanzitutto perché è probabilmente una delle più belle composizioni del disegnatore [1]. Notate l'eleganza e la virtuosità di un Caran d'Ache al vertice della sua arte: il passaggio brusco dal calmo allo straripamento nei due primi disegni; il serpentino da piccole scene più o meno ravvicinate; il ritmo dato dalla diversità di queste azioni eppure ripetitive; la scena finale, in tutto riposo, nella quale le volute del sigaro ricordano i vortici precedenti, e dove si scopre, in fondo, il vaso delle rose. E poi, quella frase a forma di titolo- "Una ciocca dei vostri capelli, Maestro!...- che richiama... Infatti, avrete capito che il secondo interesse proviene dal soggetto di questa storia ad immagini mettendo in scena un maestro che ne ricorda un altro...

 

Pubblicata alla fine del 1893, questa tavola intitolata "Musical competition" è anteriore a Maestro, progetto di "romanzo disegnato" interamente muto proposto da Caran d’Ache nel luglio del 1894 al giornale Le Figaro. Il modello del celebre musicista virtuoso dall'ampia capigliatura aveva dunque già titillato il nostro disegnatore.

 

La storia dell'Almanack da Punch può essere accostata a due pagine isolate del romanzo incompiuto: ognuna pone in scena una tagliata di ciocche di capelli del musicista. La prima quando il giovane virtuoso lascia i suoi genitori adottivi per essere chiamato al servizio del re [2]; la seconda quando il maestro fugge dal palazzo reale, lasciando una ciocca di capelli nella busta che accompagna la sua lettera di addio [3]. Queste pagine  auguravano una futura calvizie dell'eroe? Altre scene di amputazioni dei capelli erano state previste durante la narrazione  nella sua versione finale?

 

maestro--2.jpg

  

 

Nessun altro frammento di  Maestro ricorda questa storia inglese. Ma è nei fogli della sua sinopia, conservata al dipartimento delle Arti grafiche del museo del Louvre, che si trova un altro pezzo del puzzle. Thierry Groensteen vi ha identificato ciò che potrebbe essere la conclusione di questa storia incompiuta [4]. In queste pagine di sceneggiatura dispersa, egli evidenzia soprattutto una insistenza oscura per "le parrucche e la calvizie, da cui si può soltanto concludere che il maestro aveva dovuto perdere i suoi capelli in un momento qualsiasi". È fatta anche menzione di "parrucche di ricambio" che il musicista portava di nascosto [5].

 

 

maestro--3.jpg

 

La scenetta del Punch offre una spiegazione di questa parte enigmatica della sceneggiatura: a furia di offrire ciocche di capelli dopo le sue rappresentazioni, il virtuoso diventa calvo.Per continuare a soddisfare le sue ammiratrici, egli porta delle parrucche, una nuova ad ogni concerto. Quest'aneddoto avrebbe potuto collegarsi in seguito al racconto incompiuto che ci è oggi noto  per fornire un episodio della vita del maestro, spiegando le allusioni capillari della sinopsi ritrovata,

 

Questa breve storia essendo apparsa ben prima del progetto del libro, avrebbe potuto servire da punto di partenza a Caran d’Ache per elaborare il suo "romanzo disegnato"? Su questa domanda il Maestro lascia, ancora una volta, un grande silenzio.

 

 

NOTE

 

[1] Questa storia non si ritrova in nessuno degli albi dell'artista pubblicati dall'editore Plon, compilazioni delle pagine di Caran d’Ache pubblicate nelle riviste francesi e straniere.

 

[2] Vedere il foglio RF  8572.BIS dell’inventario del dipartimento delle arti grafiche del Louvre.

 

[3]  Vedere la pagina 100 dell'edizione di Maestro (CNBDI éd.) ed il suo schizzo referenziato RF 8616 nell'inventario del dipartimento delle Arti grafiche del Louvre.

 

[4]  Thierry Groensteen, "Caran d’Ache, le retour du Maestro", 9e art, n° 7, janvier 2002, p. 14.

 

[5] "[La fidanzata del maestro] verrebbe con i suoi genitori arrabbiati a chiedere delle spiegazioni presso il maestro ed è il cane (suo nemico) che troverebbe le parrucche di ricambio che egli indosserebbe sulla scena guardando con fine espressione le persone!", Archivio RF 8630.8, citato da Groensteen, op.cit.

 

 

 

 

 

Antoine Sausverd


[Traduzione di Massimo Cardellini]

 


 

 

LINK al post originale:

Une mèche de vos cheveux, Maestro!...

  

LINK ad argomenti pertinenti alla tematica trattata in questo post:


Maestro: Quelques cheveux de plus




Repost 0
18 dicembre 2010 6 18 /12 /dicembre /2010 17:54

 

Maestro: qualche capello in più

di Antoine Sausverd
  


 

Caran d’Ache, Tavola numerata 167 di Maestro. Collezione privata.

 

 

Maestro, il romanzo disegnato incompiuto di Caran d'Ache risorge di nuovo. In un precedente articolo, Maestro, il romanzo disperso, non disperavamo di vedere riapparire nuove tavole disperse a seguito della vendita all'asta del laboratorio dell'artista nel 1909. Alcuni mesi fa la tavola qui sopra è stata venduta su eBay [1].
 

Questa tavola numerata 167 si situa all'inizio del capitolo IV [2]: il giovane musicista prodigio è preso sotto la protezione di un re appassionato di musica. Accompagnato dal suo affettuoso domestico, il bambino alloggia al castello. Ma rapidamente il palazzo reale si rivela essere una prigione dorata. Il maestro deve unirsi ad interminabili duetti musicali con un sovrano che si rivela essere un pessimo interprete.

  

La nostra tavola si divide in due scene simultanee. Nella parte inferiore, si trova il soggetto principale: il bambino è al piano ed accompagna il re, seduto sul suo trono mentre suona il violino. Nella parte superiore, la scena appare  nell'inquadramento in trompe-l’oeil che imita una pagina bucata: il domestico del ragazzo avendo finito la sua giornata di incarichi si stira e sbadiglia aspettando il ritorno del giovane protetto nella camera che è loro messa a disposizione.

  

Nel calore dell'azione, il sovrano non si accorge che i suoi suoi capelli e l'attaccatura dei suoi occhiali stringinaso si sono avvolti intorno al suo archetto (una corda del violino si è rotta...). Le dissonanze che allora produce non sembrano disturbarlo, contrariamente al giovane pianista. Tutto il corpo di quest'ultimo sembra torcersi per seguire la sfrenata partizione regale: se busto e gambe sono di fronte al pianoforte, la testa è girata verso il violinista (i movimenti dei capelli ne sono testimoni), mentre le braccia si incrociano e l edita si tendono e piegano dolorosamente per colpire nervosamente i tasti della tastiera!

  

Questa pagina, inchiostrata allo stato finale, ci offre l'ultima immagine di una sequenza di cui ritroviamo le differenti tappe tra gli schizzi di Maestro conservati al Louvre.

 

 

Caran d’Ache, pagine di Mémoires du Maëstro. Schizzi provenienti dai fondi del Département des Arts graphiques du musée du Louvre, (c) RMN. 

 

Si noterà che, in questi disegni preparatori, le scene superiori con il domestico non erano previste. al suo posto elementi della decorazione architettonica riempivano lo sfondo. Per indicare che questo duo si sta svolgendo da molto tempo, gli sbadigli del servo erano sostituiti da un orologio simbolico, posto in alto a destra della scena finale (Abbozzo IV). Con le nuove sequenze sulla parte alta della pagina, Caran d'Ache introduce un montaggio in parallelo innovatore e dinamico.

 

Il maestro capelluto smascherato?

 

Approfittiamo di questa pagina inedita per evocare un nuovo elemento della genesi del romanzo a disegni incompiuto. Infatti, essa riprende un motivo ricorrente di Maestro già sollevato qui, e cioè quello dei capelli. Se nel nostro caso è la capigliatura del sovrano il centro della gag, Caran d'Ache dà nella sua storia incompiuta una certa importanza a quella del musicista prodigio. Abbiamo già visto che una tavola di Caran d'Ache, intitolata «Musical competition» (« Une mèche de vos cheveux, Maëstro !… »), pubblicata in The Punch ed anteriore a Maestro, sarebbe potuta servire da punto di partenza o d'ispirazione al "romanzo disegnato". Chiariva anche alcuni passaggi di sceneggiature  ritrovate da Thierry Groensteen con gli schizzi del Louvre.

 

A proposito di questa tavola inglese, il libro The history of "Punch" [3] ci chiarisce sul vero soggetto di questa storia ad immagini. Infatti, essa si ispira alla frenesia femminile di allora suscitata dal celebre pianista Ignacy Paderewski (1860-1941). Il musicista aveva conosciuto le sue prime glorie a Parigi durante un memorabile concerto nel 1888, epoca in cui Caran d'Ache conosceva anche i suoi primi successi. Paderewski che eccitava le passioni del pubblico femminile si distingueva anche per un'ampia e folta capigliatura dai riflessi rossi e ramati. È questo pianista ad aver ispirato al disegnatore il suo maestro disegnato?

 

Paderewki è nato nell'antica provincia polacca della Podolia, oggi situata nel sud-ovest dell'Ucraina. Un elemento di più per avvicinarlo al musicista di carta? In effetti, questa regione potrebbe aver ispirato Caran d'Ache per le prime pagine del suo romanzo disegnato nelle quali l'infanzia del giovane prodigio prendono posto infatti in un villaggio tradizionale slavo.

 

 

Questi nuovi elementi su Maestro non sono che alcuni cappelli in più su una parrucca alla quale, sfortunatamente, mancheranno sempre numerose ciocche per essere completa.

 

NOTE  

 

[1] Ringrazio l'attuale proprietario di questo disegno per avermene fornito una riproduzione.


[2] Essa si inserisce molto probabilmente dopo la tavola 165b, riprodotta a pagina 87 nella versione di Maestro edita dal CNBDI nel 1999. Notare la stilizzazione della numerazione dell'impaginazione formata a partire da note musicali. 

[3] Marion Harry Spielmann, The history of "Punch" , Cassell and Company, New York, 1895.


Antoine Sausverd


[Traduzione di Massimo Cardellini]


LINK al post originale:
Maestro: Quelques cheveux de plus
LINK pertinenti all'argomento:



 
 
Repost 0
12 dicembre 2010 7 12 /12 /dicembre /2010 07:35

La guerra nel Ventesimo secolo

 

(1887, seconda edizione)

 

 

 

robida--001.pngCopertina della seconda edizione della celebre opera di Robert Robida

 

 

La storia:

 

25 giugno 1945. Fabius Molinas, stimato uomo d'affari di Tolosa, si appresta a partire per qualche tempo sulla costa norvegese per la stagione dei bagni. Ma scoppia una guerra e quel giorno del 25 giugno, è mobilitato e deve raggiungere al più presto Pontoise dove deve essere imbarcato sull'aeronave l'Epervier [lo Sparviero] in quanto cannoniere al 18° aerostiere della territoriale.

 

Molinas non ha più il tempo di pensare ai suoi costumi da bagno. Trascinato in una serie di avventure le più rocambolesche una delle altre, si imbatte in atti di eroismo e riesce ogni volta ad uscire dalle situazioni più pericolose. Da combattimenti aerei in operazioni di assedio, riesce in tutte le sue missioni in modo desolante. Lanciando la sua interiezione preferita adatta ad ogni occasione: Corna del diavolo!", sfida il nemico come nessuno. A volte spia, a volte mitragliere pompista, ingegnere-torpediniere della marina o ancora comandante di aeronave, il suo compito è duro.

robida-la-guerre-04.jpg

 

Fabius si ritrova presto molto lontano da casa sua sbucando non lontano dal Congo, il Belgio africano, dove deve ancora cacciare leoni e coccodrilli, poi è portato oltre Gibilterra ed al di sopra dell'Atlantico per infine schiantarsi con la sua aeronave su un villaggio messicano.

 

Il suo periplo termina tra le braccia di una affascinante señorita ed è sposato che egli rientra in Francia, riattraversando un mondo di nuovo in pace. 

robida-la-guerre-06.jpg
Robida ha redatto tre  Guerre del ventesimo secolo. Questa versione uscita in albo nel 1887 è la più nota. Impregnata d'umorismo, di peripezie incredibili, può indirizzarsi ad un giovane pubblico. Tanto più che l'illustrazione è preminente. L'insieme è in bianco e nero ma alcune tavole a colori sono disseminate nell'opera.


 

robida-la-guerre--1.jpg

 

Se il tono è dunque avventuroso, Robida continua a sfruttare il suo tema prediletto: la guerra ed i diversi usi della scienza messi a sua disposizione. Tema serie se mai ve n'è uno e che ritroviamo in diverse opere: Le vingtième siècle [Il ventesimo secolo], L'ingénieur Von Satanas [L'ingegnere von Satanas], Saturnin Farandoul [Saturnino Farandola], ecc., ma vi torneremo sopra.


 

robida-la-guerre--2.jpg
Il visionario Robida è affronta alcune ingegnose invenzioni da lui immaginate. Alla fine del secolo, propizia alle scoperte industriali e tecnologiche, l'arrivo dell'elettricità e l'audacia immaginativa dello scrittore si associano per offrirci un ventaglio di armi militari molto all'avanguardia ma che sfortunatamente si vedranno dispiegate alcuni anni dopo a Verdun o altrove.

 

 

robida.gif

 

 

 

 

 

[Traduzione di Massimo Cardellini]

 

 

 

 

Glossario robidiano

 

Il tubo [Le tube]: allusione a quel mezzo di trasporto già evocato in Le vingtième siècle. Antenato del metro soprattutto per la sua velocità al TGV [Treno ad alta velocità].

 

 Aeronavi militari: alcune sono a propulsione elettrica e cariche di siluri o di pompe ad acido solforico.

 

Nebulizzatori: divisione militare incaricata di ricoprire delle zone di nebbia per nascondere delle operazioni.

 

Fortezze mobili: antenati dei nostri carrarmati.

 

Brigata territoriale femminile: Robida ha sempre previsto un posto importante per la donna nel futuro

 

Guerra chimica: i Chimici sono riconoscibili dal camice che essi indossano sopra la loro tunica ed il casco di cuoio integrale che li ricoprono sino al collo. Essi appartengono al Corpo medico offensivo specializzato nel gas asfissiante o paralizzante, in mine dai miasmi concentrati ed in microbi della febbre maligna, del farcino, della dissenteria, del morbillo, dell'odontalgia acuta, ecc. In seguito ad un episodio di questa sorprendente storia, il nome di febbre molinosa è data alla malattia che nacque dal miscuglio di questi miasmi. Essi sono all'origine anche dell'invenzione di contenitori ad innaffiamento corrosivo a base di vetriolo.

 

Torpedinieri aerei: "aviazione leggera" munita di cannoni a siluri.

 

   Mitraglieri pompisti: artiglieria incaricata di appiccare il fuoco a delle postazioni inaccessibili all'artiglieria   ordinaria. 

 

Mine anti-persone 

 

Squadra di medium: magnetizzatori e suggestionatori incaricati di irrettire il nemico con un sonno magnetico.

 

Guerre sottomarina: torpediniere siluriformi, piccole, rapide e imaneggevoli, scafandristi.

 

 

LINK ad una versione inedita in lingua italiana della prima edizione:

La Guerra nel XX secolo. 1883. 01 di 04.

La Guerra nel XX secolo. 1883, 02 di 04.

La Guerra nel XX secolo. 1883, 03 di 04.

La Guerra nel XX secolo, 1883, 04 di 04.


 

LINK al post originale:

La guerre au vingtième siècle (1887)

 

 

LINK ad una versione on line del romanzo:

La guerre au vingtième siècle

 

 

LINK ad una versione PDF del romanzo:

La guerre au vingtième siècle

 


Repost 0
5 dicembre 2010 7 05 /12 /dicembre /2010 08:00

 

La Carriera del libertino (1735), di William Hogarth


La serie La Carriera del Libertino apparve nel giugno del 1735: Hogarth ne ritardò la diffusione sino a che una legge sulla proprietà artistica non fosse stata votata dal Parlamento. Questa legge, conosciuta con il nome di "legge Hogarth" istituiva un copyright e dava agli artisti un mezzo di protezione legale contro la pirateria.

 

 La Carriera del Libertino narra in otto tavole le avventure di Tom Rakewell, dal momento in cui eredita da un ricco mercante avaro sino alla sua fine in un manicomio.

 

 Igor Strawinsky si è ispirato alla serie di Hogarth per la sua opera The Rake's Progress del 1951.


  I. Il giovane erede prende possesso dei beni dell'avaro

hogarth, 01
Un sarto prende le misure di Tom Rakewell, che si fa fare dei vestiti per il lutto: ha appena ereditato da un ricco mercante.

 

 Mrs Young e Sarah, sua figlia, fanno irruzione. Tom Rakewell ha sedotto la giovane, che è incinta ed a cui aveva fatto promessa di matrimonio. Egli le offre ora del denaro per sbarazzarsene.

 

Numerosi dettagli traducono l'avarizia del defunto. Un operaio sta tappezzando la stanza con un drappo mortuario, scopre un sacchetto nascosto. Sul ripiano del caminetto, distinguiamo un economizzatore di candela. L'armadio contiene una collezione di vecchie parrucche e di vecchie calzature, ecc. un cofano è pieno di argenteria e di sacchi di denaro e su un registro particolare possiamo leggere: "Devo spacciare il mio scellino falso". L'intendente, o notaio, nota che l'erede non ha contato la manciata di ghinee che egli ha preso dal sacco, e lo deruba da altri pezzi dietro la sua schiena.


   II. Il Risveglio del Libertino  (circondato da artisti e professori)

hogart--02.jpg
    
Il risveglio del libertino si compie alla presenza di un'assemblea di adulatori: insegnantidi danza francese con il suo violino, un architetto paesaggista, James Fogg, il pugile con i suoi bastoni di scherma ed il maestro d'armi francese Dubois, ucciso a duello il 10 maggio 1734; dall'altro lato un fantino in ginocchio con un trofeo vinto a Epsom dal cavallo "Silly Tom", ed un personaggio che prova un corno da caccia. Il musicista al clavicembalo a sinistra è Nicolas Porpora, che dirigeva il Teatro del re ad Haymarket ed era il nemico del favorito di Hogarth, Haendel. Il rotolo di carta è una lista di ridicoli regali ma costosi, che la nobiltà inglese aveva offerto a Farinelli, il celebre castrato italiano lanciato da Porpora; sullo sfondo il piccolo poeta intristito mentre legge una "Epistola a Rake...", è un'allusione alla pratica corrente di Pope di dedicare delle epistole a dei protettori aristocratici.


 

 III. L'Orgia

hogarth--03.jpg

 
Il Libertino ed i suoi compagni sono alla Taverna della Rosa Drury Lane: il Libertino si è impadronito della lanterna e del bastone di un sorvegliante notturno. È completamente ubriaco e non si accorge che gli stanno rubando il suo orologio.

In primo piano, una donna si spoglia e si prepara ad esibirsi sul vassoio che un garzone porterà. Una ragazza ubriaca, salita su una sedia, cerca di appiccare il fuoco ad una carta del mondo con una candela. I quadri al muro sono i ritratti degli imperatori romani di Tiziano, ma le teste sono state tagliate, ad eccezione di quella di Nerone, il più depravato di tutti. Il Libertino è allo stesso livello della degenerazione che Nerone, ed il suo universo, o il suo impero non tarderanno ad affondare.

 


IV. Arresto per debiti

hogarth--04.jpg
 Il Libertino si reca al palazzo Saint-James, aul risveglio del re, il che costituisce il coronamento della sua ascesa sociale. È tuttavia diffidente: i suoi creditori lo perseguitano ed il Libertino si sposta con la portantina. Viene comunque scoperto ed arrestato. La sua fedele amante, Sarah Young, diventata sarta, si trova molto a proposito sul posto per offrire i suoi risparmi. Un accenditore di lanterne è così distratto da questo arresto da rovesciare l'olio destinato alla lanterna.

 

 



 V. Sposato ad una vecchia

hogarth--05.jpg

Per rifarsi, Tom sposa una vecchia ereditiera guercia nella vecchia chiesa di Mary-le-Bone, luogo famoso per i matrimoni segreti fuori città, mentrel'addetta ai banchi si sforza ad impedire a Sarah Young, sua madre ed al bambino che ha avuto dal Libertino, di interrompere la cerimonia.

La chiave del quadro sono i Dieci Comandamenti, di cui vediamo la seconda metà, quella dedicata ai doveri verso il prossimo. Tutti i comandamenti sono cancellati ed illeggibili, tranne l'ultimo "Non desiderare... del tuo prossimo... servi". Il Libertino ha già l'occhio sulla serva della sposa che diventerà la sua in più di un modo. Un cane pieno di vigore, imitando fedelmente il suo padrone si dà da fare con una cagna guercia.

Il Credo è in uno stato così pietoso che le sole parole leggibili sono: "Io credo". Una grande ragnatela ricopre la cassetta delle elemosine, avendo il ragno scelto il luogo della chiesa dove rischia meno di essere disturbata. Un'iscrizione sulla tribuna indica che la chiesa è stata abbellita nel 1725. O il consiglio per la fabbricazione ha sviato i proventi della parrocchia o la chiesa è stata mal restaurata.

 

La decorazione di piante verdi allude al Desiderio ed all'Inverno, cioè alle passioni ed al fascino della sposa.


VI. Perdita al gioco della sua nuova fortuna

hogarth, 06

 Il sesto dipinto mostra Tom implorante l'aiuto dell'onnipotente in una bisca al White Club di Soho dopo aver perso la sua "nuova fortuna."  Né lui né gli altri giocatori ossessionati sembrano aver notato un incendio dietro di loro.



  VII. Incarceramento per debiti

hogarth--07.jpg

Nel settimo quadro tutto è perduto, Tom è incarcerato per debiti. Egli ignora la preoccupazione della vecchia moglie e della fedele Sarah che non lo possono aiutare in quel momento. Il ragazzo birraio ed il carceriere gli richiedono del denaro. Tom comincia ad impazzire come indicano il telescopio per l'osservazione celeste posto tra le sbarre della finestra ed un alchimista che sta compiendo degli esperimenti. Un detenuto sta scrivendo un opuscolo su come risolvere il debito nazionale. Sopra il letto si vede un apparato per le ali

VIII. Tom finisce i suoi giorni in manicomio

hogarth--08.jpg   

Infine, pazzo e violento, nel ottavo quadro termina i suoi giorni all'ospedale di Bedlam, il famoso manicomio di Londra. Soltanto Sarah Young gli è di conforto, ma Rakewell continua ad ignorarla. Alcuni dei dettagli di queste immagini possono apparire inquietanti agli occhi moderni, erano però all'ordine del giorno in Hogarth.  Come ad esempio, le donne vestite alla moda sullo sfondo giunte al manicomio considerato come un avvenimento sociale per esservi intrattenute dalle bizzarre buffonate detenuti.

[Traduzione di Massimo Cardellini]


LINK al post originale per il testo:
La Carrière du Roué (1735)

LINK per le immagini:

Repost 0
28 novembre 2010 7 28 /11 /novembre /2010 08:00

Steinlen e Le Chambard socialiste

CHAMBARD1.jpgDisegno di Steinlen, Le Chambard socialiste n° 14, 17 aprile 1894.

 

 

Di  Jean-Luc Jarnier


"Steinlen Alexandre, illustratore molto parigino, nato a Losanna nel 1859" [1]. È con queste parole che inizia la notizia dedicatagli da henri Béraldi nel 1892 in
Les graveurs du XIXe siècle [Gli incisori del XIX secolo] [2]. E per riprendere il titolo di un'opera di Francis Jourdain, Steinlen ha per reputazione di essere stato un grande disegnatore di stampe popolari [3].


Fu uno degli illustratori di stampa francesi più in vista alla fine del XIX secolo. Dopo aver trascorso la sua giovinezza in Svizzera, nel 1881, Steinlein risiede a Montmartre. Il caso di un incontro lo pongono in contatto con Adolphe Willette. Rapidamente, disegna per la stampa. Disegna per la rivista del Chat Noir, incontra Aristide Bruant e disegna per il Mirliton. Nel 1891, inizia, per quasi dieci anni, una collaborazione notevole con Gil Blas illustré. Firma più di 700 illustrazioni. Socialista agli inizi, Steinlen 


si orienta progressivamente verso gli ambienti anarchici e la sua opera artistica si iscrive, da quel momento, ulteriormente nel campo della critica sociale e della satira politica.


Steinlen collabora al Chambard socialiste (di tendenza anarco-sindacalista) sin dal primo numero uscito il 16 dicembre 1893 e consegna delle illustrazioni, delle litografie [4] sino al numero 32 [5], firmandosi Petit Pierre.


Steinlen non firmò nessuna illustrazione per il 33° numero. Smise di collaborare al Chambard nel luglio del 1894, poco prima di una retata contro gli anarchici ed altri individui giudicati sovversivi. Si recò all'estero per sei mesi (Germania e Norvegia).


 

Le Chambard socialiste era un settimanale di 4 pagine diretto da Alfred Géraud-Richard del formato 50x35 cm con in genere una illustrazione in prima pagina. La tiratura oscillava intorno alle 20.000 copie.


In Le Chambard socialiste, Steinlen, l'occhio incorruttibile e la matita sempre allerta, insorge contro le disuguaglianze sociali, i rapporti tra l'opulenza e l'insufficienza. Si commuove per le condizioni di vita del mondo operaio. In un disegno dagli accenti grafici molto realistici, mostra un gruppo di bambini cenciosi che si appressano attorno poche magre pietanze. Accanto ad essi, passa un cane, indifferente. Non ha freddo ed è ricoperto da un piccolo mantello. La didascalia recita: "Bella società dove i cani dei ricchi sono più felici dei bambini dei poveri".


In sovrappiù all'ineguaglianza pecuniaria, ci sono secondo Steinlen, due giustizie: quella che schiaccia i più deboli e quella che protegge i più ricchi, cioè li conforta. Così, l'illustrazione del n° 11 è intitolata "Cento milioni!", con la didascalia: "Il Signor barone è messo in libertà, con gli onori dovuti ad un personaggio di alto furto [*]". Un furto che rinvia allo scandalo di Panama. Il barone Jacques de Reinach, persona grata, è trattato con riguardo e rimesso in libertà, affiancato da due soldati in divisa che gli rivolgono un saluto. La settimana seguente, nel n° 12, Steinlen disegna un uomo che cammina a testa bassa, l'aspetto triste tra due gendarmi sotto il titolo "Senza un soldo!". Regge un pane, quello del menù rubato che l'ha fatto arrestare. L'uomo sospira: "Ah! Se invece di un pane avessi rubato cento milioni...".

 

 


 
Steinlen si augura l'instaurazione di una repubblica sociale. Constata, come tanti altri che non è ancora giunta. Nella copertina del numero 28 del Chambard socialiste del 23 giugno 1894, Steinlen consegna un disegno notevole eloquente intitolato "Quella che ha svoltato in peggio" con la didascalia: "Nasconditi, baldracca! ci fai vergognare!". Non possiamo che pensare a fare un accostamento con l'affermazione di Émile Pouget, che in uno scritto intitolato "Marianna la Spregevole", in Le Père Peinard [6] del 18 settembre 1898 scriveva: "Ognuno rimuginava e sognava che se la Repubblica fosse giunta, tutto sarebbe cambiato: colpire duro l'impero e schiaffare al suo posto una società nuova con la pagnotta assicurata e la libertà in premio... È l'idea che a quei tempi , ci si faceva della Repubblica. Così, quando l'Impero crollò fu un sacro giubilo: si sarebbe vissuto infine, La Bella stava per arrivare! Col cavolo! Si è accompagnata bene, che sgualdrina! Invece della Marianna dei suoi sogni, il popolino ha visto una orribile puttana che riserva le sue carezze a tutte le carogne di alta classe".  
 
L'illustrazione considerata mette in scena quattro personaggi di cui uno borghese panciuto reggente un bastone da passeggio con pommello. Dà il suo braccio ad una donna vestita con un lungo mantello rosso e recante un berretto frigio rosso con coccarda. Essa rappresenta Marianna o la Repubblica. Marianna è sotto gli sguardi di due operai, di cui il più attempato, può simbolicamente rappresentare suo padre. La rimprovera dicendole: "Nasconditi, baldracca! ci fai vergognare". Marianna che prova vergogna nasconde la il volto sotto la sua mantellina.
Chambard02.jpgDisegno di Steinlen, Le Chambard socialiste n° 28, 23 giugno 1894.


 

 

Il senso è esplicito: il capitale, dunque il borghese, è riuscito a sedurre, corrompere ed anche attrarre a sé i favori di Marianna o la Repubblica, figlia del popolo e del proletariato, che ha tradito. Notiamo infine che gli indumenti dei personaggi (blu e rosso) rappresentano, con l'aiuto del bianco (quello della carta presente nello spazio tra i due personaggi) la bandiera tricolore. Nell'immagine di Steinlen, il bianco [7] non ha esistenza propria; ha la parte congrua ed è ridotto ad esistere che in riferimento al blu ed al rosso.

CHAMBARD03.jpgDisegno di Steinlen, Le Chambard socialiste n° 4, 6 gennaio 1894


Quest'opera che testimonia dei sentimenti di amarezza e di speranze deluse di fronte alla Repubblica è evidente e da porre in relazione con quella apparsa in Le Chambard n° 4 del 6 gennaio 1894 avente per titolo "La cadette" [La figlia minore]. Un borghese, anch'esso obeso, apostrofa un operaio minatore a torso nudo, che regge al braccio sua figlia indossante un berretto frigio ed al braccio un paniere sul quale sta scritto "Repubblica sociale". Il borghese esclama: "Eh! Si è fatta carina la vostra figlia minore, bisognerà che ce la affidiate...". L'operaio risponde: "Mai! Perché ne facciate una cagna come la sorella maggiore!".
  
Per Steinlen, la Repubblica è una bella idea i cui frutti sono stati sequestrati da una borghesia e dei politici troppo occupati a soddisfare i loro interessi personali. Tuttavia, Steinlen esprime l'idea che la speranza in questa Repubblica Sociale rimane. Queste due illustrazioni mettendo in scena Marianna rinviano ad una tipologia dei personaggi molto ampiamente usata durante il XIX secolo in disegni e caricature.
   
Il borghese, è molto spesso rappresentato obeso ed a volte leggermente curvato, indossante una tuba ed una canna con pomello. L'orologio con catenella ed il sigaro sono anche uno degli attributi della ricchezza e del potere. Tutte queste caratteristiche sono quelle dell'uomo rispettabile. Quando il borghese è accanto ad un operaio, il contrasto è accresciuto dal fatto che l'operaio è, in Steinlen, spesso a torso nudo, segno della sua vita di lavoro. C'è generalmente nell'operaio una maggiore magrezza che denota la differenza di status e di tenore di vita. È opposta l'opulenza al denudamento. Il borghese ben piantato sulle sue gambe ha una maggiore posizione nella vita.
  
In altri disegni di Steinlen, la verticalità impiegata per figurare il corpo per rappresentare il corpo del borghese fa contrasto con il tratto spesso più ondeggiante dell'operaio generalmente rappresentato ricurvo il che traduce la sua mancanza di sicurezza e di posizione nella vita.

CHAMBARD04.jpg Disegno di Steinlen publicato in Le Chambard n° 23 del 19 maggio 1894.


Steinlen, come molti altri, si mette a rappresentare, a volte, i borghesi con alcuni dei tratti attribuiti ai semiti, sia il naso ricurvo, la barba nera fitta, labbra enormi. Nulla viene ad intaccare l'idea che non si tratti che di una semplice contaminazione grafica. Citeremo, tra le altre cose, un contributo per il Chambard socialiste del 19 maggio 1894 che attesta del partito preso di Steinlen.

 

Questa scena di pagamento di buoni ha una forte risonanza legata all'affarismo dello scandalo di Panama. Nel caso presente, antisemitismo, si associa, con una rima povera, con anticapitalismo. Eppure, Steinlen non è da classificare tra gli antisemiti che hanno abbondato nell'odioso registro e che hanno indistintamente inglobato in un'unica carica critica tutti gli ebrei. Non troviamo, ad esempio, in Steinlen riferimenti adatti ad alimentare la costruzione del mito dell'ebreo errante, sempre avido di guadagni o ladro. Un'osservazione sull'insieme della sua opera grafica e pittorica lo attesta.

 

Sul modo di rappresentare Marianna, quando è criticata la Repubblica all'epoca di Steinleon, notiamo che i caricaturisti hanno spesso sviluppato un genere di rappresentazioni in cui il corpo di Marianna era eseguito con delle sgraziate deformazioni. La Repubblica, qualificata con disprezzo di "pezzente" appariva spesso come una donna forte dalle forme sfatte ed avvinazzata. Un disegno di Jean-Louis Forain apparso in le Figaro del 14 giugno 1894 rappresenta inoltre Marianna come una specie di donna forte dall'espressione triste. Passa presso un gruppo di uomini. Uno dei due esclama: "E dire che era così bella durante l'Impero!".

 

Nella sua opera, Steinlein non sottopone di solito Marianna a dei processi di deformazione o di regressioni morfologiche. Il modo di denunciare le derive della Repubblica rappresentando Marianna, così come ha fatto Steinlen, non era privilegio dei caricaturisti, almeno nel 1894, in un momento in cui l'antiparlamentarismo e l'antirepubblicanesimo erano esacerbati dagli scandali politico-finanziari. Regnava un clima deleterio che ha potuto spingere la mano dei disegnatori a scegliere l'irriverenza, L'esagerazione e le raffigurazioni grottesche. In fondo, attraverso le sue metafore grafiche, Steinlen propone una lettura più fine del contesto politico e sociale. Le sue caricature che si vogliono narrative possono sembrare di una più grande efficacia di quelle che non hanno fatto ricorso che a sole deformazioni morfologiche. E i suoi disegni sono tanto più d'impatto se sono associati a delle didascalie che non soffrono l'ambiguità.


CHAMBARD05.jpgDisegno di Steinlen, Le Chambard socialiste n° 27, 16 giugno 1894


Nel Chambard, Steinlen esegue cinque disegni dedicati alla commemorazione e al ricordo degli avvenimenti della Comune di Parigi. Questi disegni formano una serie notevole dove entra della considerazione per la lotta e l'opera degli anziani [8] e della riprovazione per i crimini attribuiti a Gaston Galliffet, il quale è rappresentato in una posa ieratica accanto ad un mucchio di cadaveri. Il titolo e la didascalia "In tutta la sua Gloria" e "Donne, bambini, anziani... nulla gli resiste!" fanno riferimento alle esecuzioni sommarie della "settimana di sangue [9]". Da notare, l'illustrazione intitolata "18 marzo" (insurrezione che segna l'inizio della Comune di Parigi). Questo disegno mostra una folla dalle braccia vendicatrici, armata di forconi, falci, picconi da minatori, martelli con, in testa, una donna con il berretto frigio, il petto denudato.

 

Con Le Chambard socialiste, Steinlen introduce nella sua opera, una tematica della rivoluzione che egli svilupperà nel corso della sua vita. Steinlein attinge ad un sostrato teorico negli scritti di pensatori come: Barbès, Blanqui, Fourier, Marx. Così sulla prima pagina di Le Chambard socialiste n° 6, i nomi di questi teorici e rivoluzionari appaiono inscritti nei raggi di un sole al tramonto. Un personaggio nasconde in parte l'astro rosseggiante. Si tratta del "pauvre Pandore" o Jean Casimir-Perier, presidente del Consiglio (e futuro presidente della Repubblica) che Steinlen ha raffigurato portante gli abiti di Pandora il gendarme [10]. E la didascalia beffarda: "Non fermerai il sole". Casimir-Perier fu diverse volte il bersaglio congiunto di Steinlen e Gérault-Richard a tal punto che quest'ultimo fu condannato ad una pena detentiva dalla corte d'assise della Senna per offese al presidente della Repubblica. 
In Le Chambard socialiste, l’opera di Steinlen prende radice nel terreno contestatario alimentato dai socialisti e dagli anarchici.Sullo sfondo di rigetto della borghesia e del mondo politico percepito come globalmente corrotto, Steinlen sviluppa un'opera operaista, in cui secondo il suo punto di vista, lo sciopero, la rivolta, infine la rivoluzione, non possono essere che la risposta all'oppressione. Stimolato dal conflitto, molto binario, di lotta di classe, egli esorta a, non far cadere la Repubblica, ma ad emmendarla per far esistere la Sociale.
CHAMBARD07.jpg
 Disegno di Steinlen, Le Chambard socialiste n° 16, 31 marzo 1894


CHAMBARD06.jpg
Disegno di Steinlen, Le Chambard socialiste n° 17, 7 aprile 1894.

Per concludere, ci accontenteremo, per illustrare la speranza di Steinlen nell'avvento di un mondo migliore, di aggiungere al testo, senza altri commenti, due disegni di copertina intitolati "Aujourd’hui!" [Oggi!] e "Demain!" [Domani!" [Domani] [11]. Ma c'è bisogno di arrivare a dire, come Anatole France scrive nel 1903 in un catalogo d'esposizione delle opere di Steinlen che "L'arte di Steinlen non ha bisogno di commenti. Si spiega da sé e si fa sentire a tutti?".


 

 

 

 

 

Jean-Luc Jarnier

 

 

 

[Traduzione di Massimo Cardellini]

 


Note

 

 

 

[1] Steinlen muore a Parigi nel 1923, all'età di 62 anni dopo aver dedicato la vita interamente all'illustrazione politico sociale.

 

[2] BERARDI Henri, Les graveurs du XIXe siècle, guide de l’amateur d’estampes modernes, [Gli incisori del XIX secolo, guida dell'amante di stampe moderne], vol. XII, Paris, éditions Conquet, 1892, p. 56.

 

[3] JOURDAIN Francis, Un grand imagier, Alexandre Steinlen, [Un grande illustratore, Alexandre Steinlen], Paris, éditions du Cercle d’art, 1954.


[4] Furono ricavati da ogni disegno, cento prove litografiche, fuori testo, edite e vendute da Kleinmann.

 

[5] Steinlen firma 30 copertine sui primi 32 numeri del Chambard con due eccezioni. La prima pagina [el numero 19  è firmata  da Maximilien Luce ed il numero 20 non comprende illustrazione in copertina. Quest'ultima firmata Petit Pierre (Steinlen) occupa la doppia pagina interna per celebrare il primo maggio 1894. Dopo il numero 32, la maggior parte delle illustrazioni sono firmate da Moloch (detto Hector Colomb). Anche Edouard Couturier vi partecipa. La pubblicazione si ferma con il numero 78 del 8 giugno  1895.

 

[*] Naturalmente il significato corretto della didascalia è: "Il Signor barone è rimesso in libertà, con gli onori dovuti per un personaggio di alto profilo (haut vol). Si tratta però di un gioco di parole,  la parola "vol", infatti, in francese può assumere il significato di "volo", (da qui la mia traduzione di "alto profilo"), ma anche di "furto", "ladrocinio".
 

[6] Emile Pouget fu anarchico vicino a coloro che perpetrarono gli attentati dal 1892 al 1894.

 

[7] La bandiera bianca fu quella del regno di Francia, sino alla cadura di Carlo X, nel luglio 1830. Dopo questa data, fu sostituito con la bandiera tricolore.


[8] Louise Michel, in un'allegoria, è rappresentata come la grande figura della Comune (n° 24 del 26 maggio 1894 ).


[9] Dal 22 a 28 maggio 1871. Il generale Galliffet (soprannominato il fucilatore della Comune) è accusato dai suoi dettrattori di avere, tra l'altro, ordinato delle esecuzioni sommarie nelle fila dei comunardi fatti prigionieri e condotti a Versailles.

 

[10] Pandore era il soprannome dato ad un gendarme in una canzone popolare di Gustave Nadaud, del 1857: "Pandore ou les  deux gendarmes" [Pandore o i due gendarmi]. Pandore era un personaggio ridicolo e intelletualmente limitato.

 

[11] Rispettivamente pubblicati nei numeri 16 (31 marzo 1894) e 17 (7 aprile 1894).


t (soprannominato il fucilatore della Comune) è accusato dai suoi dettrattori di avere, tra l'altro, ordinato delle esecuzioni sommarie nelle fila dei comunardi fatti prigionieri e condotti a Versailles.

 

[10] Pandore era il soprannome dato ad un gendarme in una canzone popolare di Gustave Nadaud, del 1857: "Pandore ou les  deux gendarmes" [Pandore o i due gendarmi]. Pandore era un personaggio ridicolo e intelletualmente limitato.

 

 



Link al post originale:
Steinlen et le Chambard socialiste


LINK relativi all'autore trattato:
Repost 0
21 novembre 2010 7 21 /11 /novembre /2010 09:00

Un importantissimo documento poco noto nel nostro paese, è indubbiamente la celebre poesia Un coup de dés n'abolira jamais le Hasard [Un colpo di dadi mai abolirà il caso], di Stéphane Mallarmé. In questo componimento poetico, la versificazione non segue un'impostazione grafica tradizionale ma si disloca nello spazio a volte con un andamento a gradini, spesso a blocchi collocati sulla destra a volta sulla sinistra rispetto al centro della pagina, creando suggestivi effetti spaziali che influenzano la lettura del testo conferendo una certa drammaticità ai versi stessi. Un esempio di caligramma, uno dei primi, da parte di uno dei più importanti esponenti del simbolismo francese.

 

 

 

Un colpo di dadi mai abolirà  il caso 

Mallarme.jpg Mallarmé ritratto da Manet

   

 

 

di Stéphane Mallarmé

 

 

1914

 


Un Coup De Dés 2.JPG


Un Coup De Dés 3.JPG


Un Coup De Dés 4.JPG


Un Coup De Dés 5.JPG


Un Coup De Dés 6.JPG


Un Coup De Dés 7.JPG


Un Coup De Dés 8.JPG


Un Coup De Dés 9.JPG


Un Coup De Dés 10.JPG


Un Coup De Dés 11.JPG


Un Coup De Dés 12.JPG


Un Coup De Dés 13.JPG

 

 

 

 


 
Un grande omaggio filmico di Man Ray all'opera di Mallarmé:

Les Mystères du Château du Dé [I Misteri del Castello del Dado], 1929.

 

 

 

 

 

 

 

 

Un altro geniale omaggio alla poesia di Mallarmé

questa volta di natura musicale

 

 

 

Altro geniale omaggio alla geniale poesia di Mallarmé

questa volta di natura fono-grafica (scusate se è poco...).

 

 


 

 

 

 

 


Prima di sei parti di un'opera del compositore francese Claude Ballif dallo stesso titolo della poesia di Mallarmé.

 

 



[A cura di Massimo Cardellini]



LINK al post originale:

Un Coup de Dés jamais n'abolira le Hasard

 

 

LINK ad una eccellente traduzione italiana:

Un tiro di dadi mai abolirà il caso


 

Link ad una versione PDF

Un Coup de dés Jamais abolira le Hasard

Repost 0
Published by MAX - in Calligrammi
scrivi un commento
17 novembre 2010 3 17 /11 /novembre /2010 19:57

 

 

La Guerra nel Ventesimo Secolo

 

 

 

 

 

Albert Robida

 

 

 

La Battaglia di Mazayamba

 La-caricature-30-copia-1.jpg

 

 

La-caricature-29.jpg

La più grande battaglia della guerra: 800.000 Australiani contro 625.000 Mozambichesi; la fanteria terrestre e ferroviaria ha manovrato con masse profonde ed eccessivamente mobili contro le truppe mozambichesi appoggiate a solide trincee aperte a determinate distanze l'una dall'altra per creare il passaggio alle fortezze ferroviarie. I fucili a serbatoio della fanteria mozambichese coprivano il terreno con cariche di ferro e piombo; gli Australiani, spazzati via da questa mitraglia, cadevano a migliaia. Le loro masse, per sfortuna, sembravano più inesauribili dei fucili a serbatoio dei soldati della valorosa Africa. Gli ingegneri australiani compirono dei prodigi. Essi riuscirono a condurre attraverso la mitraglia e al di sopra di mille ostacoli, le loro locomotive stradali e le loro fortezze su ruote armate dotate di enormi cannoni carichi con la superdinamite. Dietro le fortezze su ruote la fanteria si aprì un passaggio sino alle linee mozambichesi.

 

I fucili a pompa a pallottole ed a mitraglia della fanteria ferroviaria australiana mostrarono allora la loro superiorità, a breve gittata, su non importa quale congegno.

 

La-caricature-33.jpg

OGGI. Il nemico a tre leghe, non si vede nulla, non la minima indicazione, nient'altro che una pioggia di obici di tutti i calibri contro i quali non ci sono ombrelli.

 

 

La-caricature-34.jpgAlle due del pomeriggio, l'esercito mozambichese, ridotto a 180.000 uomini, batteva in ritirata sulle piazze forti del lago Tanganica; la squadra aerea e le fortezze su ruote indietreggiando a piccoli passi coprivano gloriosamente la ritirata. 

 

8 maggio. - Le potenze estere hanno offerto la loro mediazione. L'ambasciatore del Congo, il Signor duca de Brazza ha riferito a Livingstonia la risposta degli Australiani. L'Australia ennuncia delle pretese esorbitanti: 23 miliardi di indennità, più l'obbligo, per la nazione mozambichese, di rifornirsi esclusivamente in Australia per le materie prime, oggetti fabbricati o oggetti di consumo che essa non può produrre sa se stessa. Soppressione di tutti i diritti sulle merci Mozambichesi esportate per l'Australia, ecc.

 

 9 maggio. - L'Assemblea nazionale mozambichese ha respinto le pretese del nemico.
 La-caricature-32.jpg
 Granadiere di Fanteria lanciante la sua granada per mezzo dello strumento a telescopio con portata di 25 chilometri. Arma eccellente per le sorprese a lunga gittata.

 

 

La-caricature-28.jpg

Armamento dei Mozambichesi.- Fucile elettrico a serbatoio, portata illimitata; un tubo in gomma naturale collega la camera del fucile al serbatoio di cartucce posto sia sulla cintura sia nel sacco del soldato.

 

 

 

10 maggio. - Ritorno all'offensiva dei Mozambichesi. Gli Australiani, fidando nella loro vittoria, non avendo bensorvegliato il contatto del nemico, sono stati sorpresi in mezzo ad una nebbia asfissiante e respinti sulle posizioni prese da essi l'antivigilia. La vittoria è essenzialmente mutevole. Gli ex vincitori hanno perso 900 fortezze rotative e 290.000 uomini in quattro ore.

 

 

La-caricature-35.jpgI Blackrifles, reggimenti negri del Mozambico, hanno lottato con eroismo con i reggimenti bianchi e mulatti.

 

11 maggio. - Gli australiani battono in ritirata. Il corpo sottomarino che aveva risalito lo   Zambesi, nascosto in un bacino del fiume messo a secco dal sollevamento delle chiuse, è stato obbligato ad arrendersi dopo un intenso combattimento.

 

12 maggio. - I torpedinieri mozambichesi trasportati dalla squadra aerea sono riusciti. a sopravanzare le colonne nemiche nella loro ritirata. Le torpedini volanti ed i missili elettrici distruggono a Topambas più di trecento locomotive da guerra con i loro equipaggi.

 

19 maggio. - Gli Australiani contano di trincerarsi a Mozambico-Ville e resistere aspettando la pace o dei rinforzi. Un corpo di duecentomila Mozambichesi si è imbarcato sui grandi trasporti della flotta sottomarina e sulle aeronavi da carico per l'Australia.

 

30 maggio. - Bombardamento e asfissia di Melbourne. Gli Australiani chiedono di ritirarsi. Firma dell'armistizio.

 

2 giugno. - Un congresso sta per riunirsi per trattare le condizioni di pace.

Bombardamento e asfissia di Melburne 
 
 
[Traduzione di Massimo Cardellini]

   

 
 
 
 
LINK al post originale:
 
 
Repost 0
31 ottobre 2010 7 31 /10 /ottobre /2010 07:00

 

 

Gli innaffiatori innaffiati

 

 

In articoli precedenti, abbiamo evocato la ricorrenza della scenetta (gag) dell'"Innaffiatore innaffiato" nelle storie ad immagini della fine del XIX secolo. Ci riproponiamo oggi di riunire alcune delle tavole che riprendono questo scenario conosciuto mondialmente dopo il suo adattamento al cinema da parte dei fratelli Lumière nel 1895 [1].

 

La prima apparizione, spesso citata, risale al 1885: Arrosage public [Innaffiamento pubblico] è una storia senza didascalia pubblicata in Le Chat Noir e firmata con lo pseudonimo di Achille Lemot.

 

 

 

arroseur_uzes.jpg

 

 

 

 

Uzès, Arrosage public [Innaffiamento pubblico], da: Le Chat Noir, n° 182, 4 luglio 1885.

 

 

Se tutti gli elementi della scenetta sono presenti, faremo notare che la conclusione non è quella che ci si aspetta, l'innaffiatore non finisce infatti con l'essere innaffiato... A parte ciò, questa tavola è tra le più riuscite: Uzès non si impone un'impaginazione rigida dalle vignette dello stesso formato distribuite in modo regolare, come vedremo nelle versioni successive. Egli dispone liberamente le sue immagini, senza cornice e dai contorni mutevoli, nello spazio della tavola. Esse si incastrano e si articolano in modo singolare. Cambiando punto di vista e prospettiva, le scene seguono nel modo migliore l'azione, dando ritmo e dinamismo a questa tavola in un modo sorprendentemente moderno. Certo, la lettura della storia è un po' caotica. È obbligata a seguire un percorso ad "S" rovesciata, poco naturale per il lettore, ma anche per far serpeggiare, il tubo per innaffiare, sulla superficie della pagina. Questa tavola testimonia la creatività che regnava allora nel cabaret di Montmartre del Chat Noir, sin nelle pagine della sua rivista.

 

La versione seguente, pubblicata un anno dopo sulla rivista tedesca Fliegende Blätter, presenta un'impaginazione più classica ma non per questo meno interessante. Il punto di vista rimane lo stesso per tutta la sequenza. Tuttavia essa adotta quella del monello, nascosto dietro l'angolo del muro in primo piano. L'innaffiatore, di spalle, è posto in secondo piano. Questa messa in scena fa anche del lettore il complice di questo scherzo. Quest'impressione è rafforzata nell'ultima immagine dall'atteggiamento del bambino che ci prende a parte con il suo grande sorriso ed il suo dito puntato verso la sua vittima [2].

 

 

 

Hans Schließmann, Ein Bubeinstreich, da Fliegende Blätter, vol. 85, n° 2142, 15 agosto 1886.
 

 

La prossima versione fu pubblicata nel marzo 1887 nella rivista di Albert Robida La Caricature. Su tratta di un adattamento molto meno talentuoso della tavola del Fliegende Blätter. Il suo autore, A. Sorel, si era specializzato in storie ad immagini di cui riduceva i personaggi a sagome nere [3].

 

 

A. Sorel, Fait divers, da La Caricature, n° 376, 12 marzo 1887.

 

 

Il tratto del disegnatore è molto semplice e rigido, il che dà ai suoi personaggi l'aspetto di marionette da teatro d'ombre rozzamente articolate. La prospettiva è piuttosto appiattita ed il punto di vista è invertito in rapporto a quello di Schließmann. La scenetta è ridotta ad una stretta e piatta espressione grafica.

 

Pubblicata lo stesso anno di quella di La Caricature, la storia seguente è opera di Hermann Vogel, disegnatore di origine tedesca che collaborò anche al Fliegende Blätter. Essa fu realizzata per la tipografia parigina di casa Quantin destinata ai bambini, dettaglio che non è privo di conseguenze. Infatti, non è questione per l'editore offrire al suo lettore gli stessi diverti per gli adulti. Le immagini, giudicate distraenti per natura, devono essere accompagnate da un testo aggiunto in didascalia sotto ognuna di esse. Altro imperativo pedagogico, lo scherzo non può rimanere impunito. La storia è dunque aumentata con una conclusione moralizzante.

 

Hermann Vogel, L’Arroseur [L'innaffiatore], Tipografia artistica di Casa Quantin, Serie 4, tavola n° 4. 1887.

 

 

La scenografia è ridotta ad alcuni elementi, l'attenzione si concentra sui differenti protagonisti, più numerosi che nelle versioni precedenti- la larghezza delle vignette varia d'altronde secondo il loro numero. Il grande formato delle tavole Quantin obbliga ad un certo sviluppo dello scenario. Vogel non averbbe potuto limitarsi alla breve trama della scenetta originaria. Il disegnatore raddoppia allora la figura dell'innaffiatura involontaria per estenderla ai passanti. Il lettore segue le conseguenze dello scherzo giocato dal giovane Augiste, da un personaggio all'altro. Crea così un effetto valanga che provoca un imbroglio necessitante l'intervento delle forze dell'ordine e che si conclude con un "castigo ben meritato".

 

Disegnato tra due episodi della famiglia Fenouillard, Un arroseur public[Un innaffiatore pubblico], fu pubblicato nel 1889 da Christophe in Le Petit Français Illustré, "Journal des écoliers et des écolières" [Il Piccolo Francese Illustrato. Giornale degli scolari e delle scolare]. Professore di scienze naturali, poi maestro di conferenze alla Sorbona, Christophe è l'autore di diverse opere scolastiche illustrate di mano sua e sostenitore di una pedagogia che loda le virtù dell'immagine. In questa storia, la sua idea della pedagogia è il contrario dei principi applicati dalla tipografia Quantin.

 

 

Christophe, Un arroseur public [Un innaffiatore pubblico], Le Petit Français Illustré, n° 23, 1° anno, 3 agosto 1889.

 

A ben guardare, questa storia senza parole non è che un puro divertimento, Christophe non ha potuto impedirsi di introdurvi un tocco documentario e pedagogico: così, le tre prime vignette ritraggono con cura il lavoro dell'innaffiatore pubblico e gli attrezzi da lui utilizzati. Dietro lui, un bambino scruta da presso i gesti dell'adulto. La scenetta che segue diventa allora la messa in pratica delle osservazioni effettuate prima!

 

Il disegnatore ha scelto di porre l'innaffiatore in primo piano e di inquadrarlo al centro delle vignette perché è il soggetto principale, la cavia involontaria di questa esperienza comica. Imparare divertendosi, questo è il credo di Christophe. Il suo stile partecipa di questo principio educativo: il tratto è chiaro, netto ed illustrativo, senza fronzoli; la sua impaginazione dalle caselle uniformi e regolari come di sua abitudine, si vuole il supporto discreto ma efficace della sua dimostrazione pedagogica: un dispositivo esteriore rigoroso che fa passare le distrazioni più comiche per educative!

 

Le storie senza didascalia che appariranno nelle riviste per bambini sin dalla fine del 1880 furono spesso presentate sotto forma di gioco (i bambini devono tradurre per scrotto la storia ad immagini) o di supporto pedagogico (sotto forma di metodo pedagogico di presa di parola o di apprendistato di lingue straniere). Così questa tavola, firmata Georges Hem e pubblicata nell'Amusanten nel 1897, fu ripresa in Recueil d’histoires sans paroles pour la conversation et la rédaction en toutes langues [Raccolta di storie senza parole per la conversazione e la redazione in tutte le lingue] [4].

 

 

Georges Hem, Un tuyau Bouché[Un tubo attappato], 1904,
precedente pubblicazione con il titolo Douché malgré lui [Bagnato malgrado lui], da L’Amusant, n° 52, dicembre 1897.
 

 

Per concludere, ecco due tavole che offrono delle varianti tardive della scenetta. La prima è opera di Winsor McCay. Questo incubo pubblicato nel 1913 sulla stampa americana mette in scena un innaffiatore che finisce totalmente innaffiato dal suo tubo senza l'intervento di un giovane burlone.

 

 

Silas [Winsor McCay], Dreams Of The Rarebit Fiend [Sogni di un mangiatore di crostini], The New York Herald, 6 luglio 1913.
 

 

La seconda cerca di rinnovare il vecchio scherzo. In questa tavola della tipografia Pellerin, l'innaffiatore, invecchiato ed a cui non la si fa più, prende il sopravvento e dirige il getto sul giovane burlone.

  

 

 

Augé, Le coup du père François[Lo scherzo di père François], Imagerie d’Epinal nº 4014, s. d. (verso 1920 ?).

 

 

Ritorniamo, a mò di conclusione, alla prima tavolafirmata Uzès in Le Chat Noirche differisce dalle successive per la sua conclusione. L'ultima immagine di questa storia, vuota dei suoi due principali protagonisti, l'innaffiatore ed il bambino, è quasi ridotta agli accessori: la lancia del tubo in azione e l'inondazione di una cappelleria.

 

 

In tutte le versioni che abbiamo visto, l'innaffiatore porta un cappello, ed, eccetto che in quella di Vogel, l'imprevisto getto d'acqua glielo toglie dal capo [5]. Si può allora immaginare questa scena come la predizione sintetica e fantomatica della moltiplicazione a venire delle versioni di questa scenetta.

 

 


  Louis & Auguste Lumière, L'Arrosseur arrosé, 1896.

 

 

 

Antoine Sausverd

 

 

 

 

 

[Traduzione di Massimo Cardellini]

 

 

 

NOTE

 

 

[1] Esistono due versioni dell'adattamento cinemeatografico di L'innaffiatore innaffiato: la prima è intitolata Le Jardinier et le petit espiègle (1895) e la seconda versione Arroseur et arrosé (1896), iscritta nel catalogo Lumière con il n° 99. Facciamo riferimento all'articolo di Lance Rickman che fa il punto sulle relazioni tra queste storie ad immagini ed i film dei fratelli Lumière: Lance Rickman, Bande dessinée and the Cinematograph: Visual narrative in 1895 », European Comic Art, Volume 1, Issue: 1, 2008. Da leggere anche le riflessioni di Thierry Smolderen sull'innaffiatore innaffiato nella sua opera Naissances de la bande dessinée (Impressions Nouvelles, 2009, pp. 98-100).

 

[2] Due anni dopo sullo stesso giornale (Fliegende Blätter,  vol. 87, n° 2201, 1887), Lothar Meggendorfer offrirà la sua vendetta dell'innaffiatore in una versione "lotta di classe". Questa storia sarà di nuovo plagiata in La Caricature del 2 giugno 1888 da Gibey.

 

[3] Per lo stesso giornale, Sorel plagerà (almeno) un'altra storia del Fliegende Blätter: la sua Promenade en famille [Passeggiata in famiglia] La Caricature n° 440 del 2 giugno 1888) somiglia molto a quella pubblicata lo stesso anno sulla stessa rivista tedesca.

 

[4] Georges Hem, Un tuyau Bouché, in H. Peseux-Richard e J.-E. Neumann, Recueil d’histoires sans paroles pour la conversation et la rédaction en toutes langues, Paris, Librairie Vanblotaque, 1904, p. 81.

 

[5] È la stessa cosa nelle versioni cinematografiche dei fratelli Lumière, sino al loro manifesto pubblicitario tealizzato nel 1896 da Marcelin Auzolle.

 

 

 

LINK al post originale:
Arroseurs arrosés

Repost 0

Presentazione

  • : Letteratura&Grafica
  • Letteratura&Grafica
  • : Documentazione dei processi di sintesi e di interazione profonda tra arte grafica e letteratura nel corso del tempo e tra le più diverse culture.
  • Contatti

Link