Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 maggio 2011 4 05 /05 /maggio /2011 06:00

Un bel ritrovamento dal web anglofono. Un'opera apparentemente destinata ad un pubblico di piccoli lettori e risalente al 1969, autrice Meg Rutherford, ma che in realtà è anche e soprattutto un omaggio alla tecnica dadaista del collage,. Essa fa soprattutto pensare al Max Ernst di Una settimana di bontà. L'autrice, infatti, ritagliando soprattutto immagini ottocentesche di antiche costruzioni dell'architettura occidentale ed trasferendole, non senza peripezia, in luoghi esotici, e con poche ben mirate parole nelle didascalie, crea un mondo surreale e poetico dove trionfano bellezza ed esigenza di evasione da una oramai insostenibile alienazione fattasi quotidiana e quindi esistenziale.

 

Un messaggio umanissimo ma che è effettuato da altissimi prodotti della reificazione umana, e quindi ancor più attendibile.  Nel profondo una sana esigenza di utopia, del non già qui ancora, in cui è l'arte a prendere la parola e farsi conoscenza, per cui vuole naturalmente capirlo.

 

Della illustratrice di lingua inglese, nata nel 1932, in italia è stata pubblicato, nell'ormai lontano 1990, Nottolino topino goloso topino coraggioso, dalla casa editrice Castelli in aria.

 

 

 

 

 

 

L'Isola Bellissima


 

 

 

 

 

di Meg Rutherford

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

001.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 002.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

000.jpg

Molto, molto lontano c'è un isola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

003.jpg

di laghi incantati e verdi, sognanti pascoli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

004.jpg

Negli altri paesi, le case sono solitarie oppure affollate o paralizzate per mancanza di respiro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

005.jpg
Gli uccelli hanno udito i loro sospiri, e volano verso loro gridando:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

006
Venite con noi sull'isola dell'appagamento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

007.jpg
Tre piccole torri per prime ebbero il coraggio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

009.jpg
...poi due tristi memoriali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

010.jpg

ed una solitaria chiesina di montagna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

011.jpg

Dall'Oriente all'Occidente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

012.jpg

Si affrettano con emozione,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

013.jpg

cattedrali e palazzi, manieri e villette... viaggiarono coraggiosamente attraverso il buio, passaggi tortuosi,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

014.jpg
 su vaste, gole spazzate dai venti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

015.jpg

 e deserti battuti dal sole

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

016.jpg
 dove persone e mobili...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

017

...a volte vennero smarriti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

018.jpg

Le case più pesanti si attardarono e rimasero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

019.jpg

mentre altre sui fiumi 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

038.jpeg

andando alla deriva in fondo al mare, ahimé!

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

020.jpg

Poi , ahimè! il vento gonfiò le onde

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

021.jpg
ed il mare si riempì di macerie di case.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

022.jpg

Quindi alcune attraversarono il tunnel...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

023.jpg...ed altre in pallone...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

024.jpg...finchè vi giunsero una alla volta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

025.jpgsull'Isola Bellissima,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

026.jpgdove finalmente le case trovarono sole e la pace.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

027.jpgQui sull'isola possono galleggiare sui fiumi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

028.jpg

vi sono pergolati per gli amanti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

029

o luoghi appartati per i timidi...

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

030

e per chi è stanco di sole

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

031

l'ombra di fredde caverne...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

032

e balli e felicità e GIOIA SENZA FINE.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Versione video su Youtube del presente post con commento musicale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Traduzione di Massimo Cardellini]

 



LINK all'opera originale:

The Beautiful Island

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Letteratura&Grafica
  • Letteratura&Grafica
  • : Documentazione dei processi di sintesi e di interazione profonda tra arte grafica e letteratura nel corso del tempo e tra le più diverse culture.
  • Contatti

Link